Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

15 Mamma che serenatella (Canzone dei difetti)

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Brano vocale accompagnato dalla fisarmonica. Sembra essere lo stesso registrato parzialmente (il presente documento, se si esclude l’incipit testuale e vocale "Mamma che serenata" ascoltabile solo nell’altra esecuzione, raccoglie invece l’esecuzione integrale) da Roberto De Simone e Annabella Rossi e trascritto nel volume Carnevale si chiamava Vincenzo col titolo "Canzone dei difetti" e datato al 23 febbraio del 1974. Il testo eseguito dal cantore sembra nella prima parte improvvisato, sul modello musicale della serenata, per omaggiare gli ospiti presenti ovvero i ricercatori ("Mamma che belli signuri e su venuti a Montemarana" oppure "Qua ci so sti signuri vonno sentì cantane!") e per dare il loro il benvenuto a Montemarano, paese di "suoni belli" dove però "non c’è niente cchiùne, sulu suone e cante" (non c’è niente più, solo suoni e canti). La seconda parte ("Gira ra qua, gire ra là/ tutti i paisi haggio camminato") sembra più codificata e raccoglie un elenco di paesi, associati ognuno ad un particolare difetto o specialità: questa tipologia di brano è molto diffusa anche in altre aree della Campania. Nella parte iniziale il cantore fa riferimenti diretti ad un certo Zì ‘Ntonio che dovrebbe essere il suonatore di fisarmonica: si tratta molto probabilmente di Antonio Bocchino detto Nduniuccio, suonatore di fisarmonica attivo a Montemarano proprio in quegli anni.

  • Durata: 05:31
  • Data: Sabato, 23 Febbraio 1974
  • Luogo: Montemarano
  • Provincia: Avellino
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voce maschile, fisarmonica
  • Autore: Enzo Bassano