Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Teche Rai-Puglia | Matteo Salvatore-Teche Rai | 04 Quindici minuti con.. Matteo Salvatore

04 Quindici minuti con.. Matteo Salvatore

  • Genere: Filmato
  • Filmato:

  • Descrizione:

    Quindici minuti con…, era un programma della Rai con spazi monografici di un quarto d'ora dedicati ad un determinato cantante. 
    Il programma comincia con una voce narrante che recita l’incipit del brano Lu soprastante, mentre la telecamera insiste su alcuni dettagli della scenografia dello studio che hanno forti legami con i temi dei brani (grate sui muri senza finestre ad indicare probabilmente la condizione di oppressione – le scale che indicano la fatica - anfore e bicchieri ad indicare l’acqua). Al termine del recitato l’inquadratura si fa più ampia ed una luce rischiara la sagoma, oscurata sino a quel momento, di un uomo con la chitarra seduto su una sedia accanto al tavolino. Matteo Salvatore canta in evidente playback insieme ad Adriana Doriani, che entra in scena per cantare il ritornello. Lu soprastante nasce dalla sua esperienza di bracciante, si concentra sulla figura del sorvegliante ed il suo inumano diniego alla sete di chi, lavorando incessantemente sotto il sole, chiede un sorso d’acqua: con questo canto Matteo Salvatore ed Adriana Doriani parteciparono al Cantagiro del 1969
    Al termine del brano, la presentatrice, Agla Marsili, legge una frase dedicata a Matteo dallo scrittore Franco Antonicelli e ripercorre alcune tappe della sua carriera. Il secondo brano, che Matteo Salvatore esegue da solo, è La cometa (L’aquilone) del quale Adriana, senza essere inquadrata, illustra il significato. Dopo una scenetta montata tra Adriana ed Agla, sul carattere “popolare” delle canzoni di Matteo Salvatore che parlano della sua gente e della sua terra, viene eseguita la ballata popolare I Maccheroni (U nannache gigì): in una delle sue ultime apparizioni in pubblico, al Teatro Ariston di Foggia nel 2004, Matteo Salvatore duettò su questo stesso brano con con Vinicio Capossela. 
    Il quarto brano La siccità, di cui Adriana recita i primi versi, conserva fortemente le radici rurali pugliesi, la mistura di dolore e speranze perdute a causa della miseria, della terra impietosa e della malattia percorrono tutta la melodia.

     

     

  • Durata: 20:57
  • Data: Sabato, 12 Luglio 1969
  • Luogo: Recoaro Terme (Fonti Centrali)
  • Provincia: Vicenza
  • Regione: Veneto
  • Esecutore: Matteo Salvatore: voce e chitarra, Adriana Doriani: voce
  • Autore: RAI