Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Rinaldi | Il pellegrinaggio al santuario della Madonna Incoronata | 086 Intervista a una pellegrina di Palazzo San Gervasio (PZ)

086 Intervista a una pellegrina di Palazzo San Gervasio (PZ)

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Nel dormitorio che ospita i pellegrini di Palazzo San Gervasio (PZ), Caterina Liscio racconta dei suoi dodici anni di pellegrinaggio. Il padre nel 1908 ricevette una grazia e da quell'anno andò al santuario a piedi tutti gli anni. Il padre fu trascinato da un cavallo imbizzarrito e rivolgendosi alla Madonna ("Oh Vergine Maria se mi vuoi aiutare!") rimase illeso. Caterina ha iniziato ad allestire i carri allegorici nel 1959 e ricorda che prima queste manifestazioni erano più commoventi. E' stata a Torino per lavoro e ha i figli tuttora emigrati a Torino. I giovani emigranti tornano al paese proprio per partecipare al pellegrinaggio a piedi. Il lavoro dei figli: edile, tubista, operaio FIAT, barista. La figlia rimasta in paese è casalinga. In guerra il marito fu dato per disperso, poi, dopo sette anni, tornò a casa. Prima del suo rientro lei sognò Sant'Antonio, protettore del paese e per riconoscenza realizzò un 'paliotto' per grazia ricevuta. Anche il figlio ha realizzato un ex voto per grazia ricevuta. Da Palazzo San Gervasio vanno in pellegrinaggio anche a Tolve e a Venosa. Spiega i motivi per cui si dividono in più gruppi per venire al Santuario e i compiti della capocompagnia (la sig.ra Marietta di 84 anni). Descrive il percorso del pellegrinaggio: Palazzo, Gaudiano, Stornara, Santuario. I bambini vengono vestiti da 'santo' anche come pegno per una richiesta di grazia.

  • Durata: 34:16
  • Data: Giovedì, 27 Aprile 1978
  • Luogo: Santuario Incoronata, Borgo Incoronata, frazione di Foggia
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Caterino Liscio vedova Rizzi (n. 1914) piccola commerciante di tessuti: voce
  • Autore: Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero