Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

100 Fronn’e limone

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    "Le fronne 'e limone derivate stilisticamente dai canti di mietitura, rappresentavano nel passato, un modo di comunicare tra chi stava in carcere e gli amici o parenti che sostavano fuori o di fuori alle mura di cinta. I contenuti sono i più svariati (amorosi, licenziosi, satirici, di vendetta ecc.) e sono frammisti con notizie da comunicare all'esterno", dal commento di Diego Carpitella al canto n. 10 del disco 1 in "Documenti dell'Archivio Etnico linguistico-Musicale", Roma, Discoteca di Stato, p. 17 del fascicolo allegato. Cfr. Roberto Leydi e Sandra Mantovani, Dizionario della musica popolare europea, Milano, Bompiani, 1970, pp. 240-241; in particolare per il secondo fronne 'e limone cfr. Raffaele Nigro, Tradizioni e canti popolari lucani: il melfese, Bari-Melfi, Interventi Culturali/Arci-Uisp, 1976, p. 115 n. 97. Sullo stesso motivo melodico ma con un diverso testo canta Carmelita Gadaleta nel suo Canti popolari di Puglia e Lucania, Albatros, 1974. 

    Fronn' e limone 
    a te ggiure davand'a dDie vaglione non t'abbandone 
    te ggiure davand'a dDie non t'abbandone 

    E sora sora 
    a stasere in gopp'o letto l'im'a ggiurà 
    stasera in gopp'o letto ram'a ggiurà 

    A bella bbella 
    a quante si bbella t'agge ggiurà 

    Addej addeie 
    a vaglione quanne me lasse non t'abbandone 

    Addej addeie 
    a tanda miglie lundane non ge vedime 

    Ecarceratille stasere 
    a tu famme nu segne di carta alle mane 

    A fronne d'agresta 
    a lu giuramende tu' si n'andate da la te(sta)

  • Durata: 01:33
  • Data: Venerdì, 15 Luglio 1977
  • Luogo: Cerignola
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Lucia Barbarossa (nata nel 1904) bracciante: voce
  • Autore: Alberto Vasciaveo