Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Amati Bagorda | Antonio Zurlo e Sante Arpino | 20 Serenata per la questua del Sabato Santo

20 Serenata per la questua del Sabato Santo

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Serenata per la "questua delle uova" del periodo pasquale in uso nelle comunità della Murgia Meridionale e dell'Alto Salento con varianti stilistiche locali. 
    Dalle testimonianze dei più anziani, il canto che veniva eseguito in questa occasione è "U Sabbtë Sandë", ancora in uso nei paesi della Valle d'Itria e in quelli limitrofi, ma che, nella stessa area, è stato sostituito negli ultimi decenni da questa "serenata", che viene inoltre adoperata, utlilzzando testi differenti e pertinenti alla situazione, in molteplici occasioni come matrimoni, omaggi amorosi, feste, situazioni conviviali. 
    Dal pomeriggio del Sabato Santo alla mattina di Pasqua, coppie o piccoli gruppi, chiamati "squadre", di suonatori e cantatori "escono a cantare alle uova" visitando case e masserie cantando e suonando; il padrone di casa, dopo aver ascoltato dall'interno senza aprire affinchè non smettano di suonare, accende la luce come segno di gradimento.
    I suonatori vengono poi invitati ad entrare e vengono offerte loro delle uova, formaggio, salumi e altri doni riposti in un grande cesto portato da uno dei cantatori. 
    I canti utilizzati in questa questua presentano temi riferiti alla Passione di Cristo e al "pianto della Madonna"; a questi fulcri centrali seguono strofe augurali e di commiato in cui i cantatori porgono ai padroni di casa auguri e ringraziamenti chiedendo l'offerta di doni, soprattutto uova, in segno di gradimento dell'omaggio sonoro. 
    Le uova, in questa occasione dono per antonomasia, vengono offerte prescindendo da altri eventuali doni; le motivazioni legate a tale usanza possono essere ricondotte a due aspetti importanti: il primo di natura simbolica, l'uovo, simbolo pasquale per antonomasia, è la rappresentazione della fertilità, della vita che si cela dietro a qualcosa di apparentemente inanimato, come lo è la terra all'inizio della primavera; il secondo è di natura pratica: durante la quaresima infatti tradizionalmente le uova non si mangiavano, accumulandole fino al giorno di Pasqua. 
    Nella Puglia Centro-Meridionale sono tutt'ora diffuse le questue pasquali, presentando una grande varietà di canti utilizzati in tali circostanze, al pari di altre aree del centro-sud Italia. 
    Negli ultimi anni anni, si nota un forte ritorno d'interesse da parte dei giovani rispetto a questa pratica, mai interrotta, ma che aveva subito un sensibile calo negli anni '90 del secolo scorso.

    Data: Novembre 2003

  • Durata: 04:03
  • Luogo: San Vito dei Normanni
  • Provincia: Brindisi
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Antonio Zurlo (Andonjë lu seggiarë): organetto a otto bassi e voce
  • Autore: Giovanni Amati, Annamaria Bagorda