Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

03 Sud e Magia. Il cielo e la terra

  • Genere: Filmato
  • Filmato:

  • Descrizione:

    Incontri con veggenti e guaritori nel Gargano tra cui Domenico Masselli, un contadino di cinquantacinque anni che, dal 2 dicembre del 1959, afferma di essere in comunicazione con la Madonna.
    A Stornarella, nel foggiano, è stato costruito un oratorio dedicato alla Vergine del Rosario dai fedeli del contadino mistico. Domenico, assistito dalla moglie e da una delle sue più attive sostenitrici, racconta la prima apparizione della Madonna che gli ordinò di recitare per quaranta giorni il rosario. Scaduto il termine, i fedeli riuniti in preghiera videro avanzare, sino ai piedi di Domenico, una nuvola bianca che, aprendosi, lasciò a terra una coroncina del rosario. Dopo quattro o cinque mesi, Domenico cominciò a scrivere i messaggi che la Madonna gli dettava, spesso in una lingua che non conosceva, quella dell'infanzia di Maria. La donna che parla al posto di Domenico racconta di fenomeni di lievitazione che l'uomo ha vissuto di fronte ai fedeli, il ritrovamento sui polpastrelli di una polverina grigio-azzurra, la caduta di piccole pietre dal cielo a simboleggiare le grazie ricevute. Dopo aver ascoltato alcuni testimoni, le telecamere riprendono l'incontro tra Domenico (vestito in doppio petto e cravatta) e la Madonna che avviene il primo, secondo e terzo venerdì del mese. Le preghiere e i canti dei fedeli - in parte rilevati da Glauco Sanga - aiutano il raccoglimento del guaritore che, chiuso in una cella di legno aperta nella parte superiore, vive in isolamento il fenomeno estatico. La cerimonia dura due ore e le sofferenze sembrano provare Domenico che, secondo i fedeli, in cella combatte contro il diavolo. Gli autori avrebbero voluto filmare la levitazione nella cella ma incontrarono la netta opposizione dei fedeli e della famiglia dell'uomo.
    Si arriva poi nella masseria di Michele Acquaviva (detto "l’uomo dagli occhi di acciaio"), dove ogni giorno, ad eccezione del sabato, giungono pellegrini che aspettano di essere ricevuti e toccati da lui per la guarigione. Michele ha costruito una cappella per la Madonna di Altomare, molto venerata nella zona, nella quale riceve i fedeli ed opera guarigioni intercedendo presso la Vergine. Intervistato nel suo "santuario", pieno di fotografie ed ex-voti, rivela di essere stato salvato dalla Madonna che, quando aveva sette anni, gli disse: "un giorno sarai il padrone del mondo". La Vergine gli compare spesso in sogno, si siede sul suo cuore fino quasi a fargli mancare l'aria: apparizione notturne che la voce narrante pone in relazione alle esperienze delle maciare lucane. Nonostante i divieti della chiesa locale e dei vescovi, numerosi sono i pellegrini ripresi dalle telecamere, comprese due suore che dichiarano di vedere nella bottiglia di olio usata dal guaritore l’immagine della Madonna.

  • Durata: 1:02:58
  • Data: Venerdì, 14 Aprile 1978
  • Luogo: Stornarella, Cerignola
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Autore: Claudio Barbati, Gianfranco Mingozzi, Annabella Rossi