Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

02 Cicerenella

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Cicerenella teneva teneva teneva teneva teneva teneva
    Cicerenella teneva 'nu gallo
    e tutta 'a notte jeva a cavallo
    si 'o vedeva quant'era bello
    e chillo è 'u gallo 'e Cicerenella

    Cicerenella teneva teneva teneva teneva teneva teneva
    Cicerenella teneva 'na votte
    e mena ppe ‘ncoppa e iesce ppe sotto
    si 'a vedeva quant'era bella
    e chella è 'a votte 'e Cicerenella

    Cicerenella teneva 'a tiella
    frieva l'olio e ‘i muzzarelle

    Io me chiammo don Gennarino
    e tengo 'no pollece dinte 'e rine
    si 'o acchiappo e 'o sdrino
    'o manno ‘o spitale de’ Pellegrini
    I' me chiammo don Laipoldo
    me passano 'e pelle me veneno 'e chiorde
    I' nun faccio pe’ mmezzo de’ sorde
    vicino 'a chitarra ce mancano 'e corde
    I' 'nce tengo da campà
    sotto 'u purtone me fanne curcà
    vide sto pollece comm’è birbone
    me saglie e me scenne pe’ dinto 'o cazone
    si 'o vedive quant'era cretino
    e saglie e scenne ppe dinte 'e rine

    Cicerenella teneva teneva teneva teneva teneva teneva
    Cicerenella teneva 'nu gallo
    e tutta 'a notte jeva a cavallo
    Cicerenella teneva 'a tiella
    frieva l'olio e ‘i muzzarelle
    Che teneva?! Che Teneva?!
    Cicerenella teneva teneva teneva teneva teneva teneva
    Cicerenella teneva 'nu gallo
    e tutta 'a notte jeva a cavallo

    Che teneva?!
    Esecuzione del noto brano della tradizione campana Cicerenella, qui accompagnato, come il brano precedente, dal tamburo a cornice (tammorra), al cui telaio sono legati campanelli e giuggiole, e tricchebballache. Nella prima parte il cantore esegue strofe riscontrate anche in altre varianti e nella versione ottocentesca a stampa di Labriola), diversamente dalla parte centrale ("Io me chiammo Don Gennarino…") che sembra invece una lunga barzelletta o stroppola (sul tipo di quelle che si usano per il canto sul tamburo), ovvero un’interpolazione testuale che probabilmente nulla ha a che fare conCicerenella, poi ripresa alla fine dell'esecuzione.

  • Durata: 01:24
  • Data: Sabato, 21 Dicembre 1974
  • Luogo: San Mango Piemonte
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voce maschile, tamburo a cornice, tricchebballacche, campanelli
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno