Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

50 Stamattina mi sono alzata

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Stamattina mi sono alzata
    'na mezzoretta prima del sol

    me so 'facciata al fenestino
    vedo arrivaro il caro amore

    gli era affianco una ragazza
    che mi dava la pena al cuore

    e faremo (formeremo) una casetta
    e ci dormiremo tutt'e tre

    mamma mamma chiude le porte
    che qui non entra mai più nessuno

    mamma mamma portami in chiesa
    portami in chiesa a confessar

    la penitenza del confessore
    è di lasciare il caro amore

    io piuttosto voglio morire
    e non lasciare il caro amore.

    Esecuzione con accompagnamento di chitarra battente di un diffuso canto narrativo, riconosciuto come matrice della celebre canzone partigiana Bella ciao. Il brano è stato riproposto dai ricercatori del Teatrogruppo nel loro secondo disco Carnuvà pecchè si muorto e presentato come "canto narrativo raccolto a Colliano nel dicembre 1975; si tratta di una variante, fra le tante, incompleta, del notissimo canto epico-lirico classificato come Fior di tomba (Nigra, 19); una particolarità notevole e insolita è data dal verso in cui si canta della 'casetta', evidente modificazione della 'cassa' (da morto) delle lezioni originarie".

  • Durata: 05:06
  • Data: Martedì, 04 Novembre 1975
  • Luogo: Colliano
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Vito "Feliciello" Fasano: chitarra battente e voce
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno