Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

03 Miserere (Salmo 50)

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Miserère mei, Deus, + secùndum magnam misericòrdiam tuam. Et secùndum multitùdinem miseratiònum tuàrum, + dele iniquitàtem meam. Amplius lava me ab iniquitàte mea: + et a peccàto meo munda me. Quòniam iniquitàtem meam ego cognòsco: + et peccàtum meum contra me est semper. Tibi soli peccàvi, et malum coram te feci: + ut justificèris in sermònibus tuis, et vincas cum judicàris. Ecce enim in iniquitàtibus concèptus sum: + et in peccàtis concèpit me mater mea. Ecce enim veritàtem dilexìsti: + incèrta et occùlta sapièntiae tuae manifestàsti mihi. Aspèrges me hyssòpo, et mundàbor: + lavàbis me, et super nivem dealbàbor. Audìtui meo dabis gàudium et laetìtiam: + et exsultàbunt ossa humiliàta. Avèrte fàciem tuam a peccàtis meis: + et omnes iniquitàtes meas dele. Cor mundum crea in me, Deus: + et spìritum rectum ìnnova in viscèribus meis. Ne projìacias me a fàcie tua: + et spìritum sanctum tuum ne àuferas a me. Redde mihi laetìtiam salutàris tui: + et spìritu principàli confìrma me. Docèbo inìquos vias tuas: + et ìmpii ad te convertèntur. Lìbera me de sanguìnibus, Deus, Deus salùtis meae: + et exultàbit lingua mea justìtiam tuam. Dòmine, làbia mea apèries: + et os meum annuntiàbit laudem tuam. Quòniam si voluìsses sacrificium, dedìssem ùtique: + holocàustis non delectàberis. Sacrifìcium Dei spìritus contribulàtus: + cor contrìtum, et humiliàtum, Deus, non despìcies. Benìgne fac, Dòmine, in bona voluntàte tua Sion: + ut aedificèntur muri Jerùsalem. Tunc acceptàbis sacrifìcium justìtiae, oblatiònes, et holocàusta: + tunc impònent super altàre tuum vìtulos.

    (Il Trio del Miserere esegue esclusivamente le strofe dispari. Durante l'Ufficio delle Tenebre, invece, le parti in corsivo sono eseguite dal coro, e le altre dal corifeo)

    Il Miserere appare come una sorta di lamentazione, eseguita da tre cantori, e si compone di tre voci (prima voce, seconda voce, terza voce). Il canto è, secondo la tradizione, gelosamente custodito dall'Arciconfraternita del SS. Crocifisso che ne salvaguarda il valore simbolico-rituale-musicale, secondo il rispetto di una rigida ritualità che prevede, tra l'altro, la trasmissione orale del canto all'interno dei componenti della confraternita. Roberto De Simone, in Canti e tradizioni popolari in Campania (1979), osserva che "tale Miserere è tramandato solo oralmente e che gli unici tre attuali esecutori affermano che essi siano sempre e solo tre. La continuità della tradizione viene assicurata dal fatto che ognuno di loro insegna ad un'altra persona che abbia possibilità vocali e musicali, una parte del Miserere". Oggi, però, lo studio di tale canto si è diffuso presso le Confraternite, interessando anche le nuove generazioni, determinando in alcune occasioni, esecuzioni corali. Ciò nonostante le caratteristiche stilistiche e formali dall'esecuzione sono state conservate e vengono rispettate puntualmente, essendo quella del Miserere una delle tradizioni più sentite dalla comunità sessana.

    Data: 1982

  • Durata: 03:38
  • Luogo: Sessa Aurunca
  • Provincia: Caserta
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: tre voci maschili
  • Autore: Parroco di Sessa Aurunca (anonimo)