Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

19 Allora ti n'ascisti dal mio cuore

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Esecuzione di un canto su distici di endecasillabi (strofette distiche). La tematica del testo è quella tipica di un “canto di sdegno amoroso. L’incipit, non ricordato con precisione dai presenti, viene dapprima intonato in successione da due voci maschili e poi da una femminile che cerca di cantare la versione "corretta" ma sbaglia anche lei. L’esecuzione una voce maschile. Qualcuno afferma che "queste non son canzoni ma pagliaccerie!". Ecco alcune delle strofette di sdegno cantate: "Puozze esse accisa mammeta e ti pure/ Me t’ha prommise e nun me te vo’ dane/ Mo vaie dicenno ca nun m’hai voluto/ Pecchè nun dice ca t’aggiu lasciata" (Che possa essere uccisa tua mamma e tu pure/ Mi ha promesso te e adesso non vuole darti a me/ Adesso vai dicendo che non m’hai voluto/ Perché non dici che ti ho lasciato). Le due strofette distiche di commiato sono invece le seguenti: "Chesto lo canto a te fiorito vino/ E alla salute’e tutta ‘sta compagnia/ Scusate se io v’aggio disturbato/ Saluto a tutti quanti e me ne vaje" (Questo lo canto a te fiorito vino/ E alla salute di tutta questa compagnia/ Scusate se io vi ho disturbato/ Saluto tutti quanti e me ne vado). In sottofondo le voci di adulti e bambini presenti durante l'esecuzione.

  • Durata: 05:01
  • Data: Martedì, 06 Marzo 1973
  • Luogo: Galluccio
  • Provincia: Caserta
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voci maschili, voce femminile
  • Autore: Annabella Rossi