Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

16 E statti zitto tu ciuccio che ragli

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Esecuzione di un canto a due voci maschili che si alternano. Il testo è costruito su distici di endecasillabi e sulle stesse frasi melodiche dei canti precedenti. E' una sorta di canto a dispetto: il riferimento a l’asino e al montone (ciuccio, piecoro) sembra da legare ironicamente agli stessi cantori: "E statti zitto tu ciuccio che ragli/ Si vengo ‘lloco ti metto la vriglia/ E doppo la vriglia ti metto la sella/ ‘Ncopp’ a la sella me metto a cavallo" (E stai zitto tu ciuccio che ragli/ Se vengo lì ti metto la briglia/ E dopo la briglia ti metto la sella/ Sulla sella mi metto a cavallo), mentre l'altra voce risponde: "E stai zitto piecoro muccuso/ Nun tie’ la voce e ti mitte a cantane" (Stai zitto montone moccioso/ Non tieni la voce e ti metti a cantare) e chiude di nuovo la prima voce: "E statti zitto tu piecoro mucculuso/ Si vengo ‘lloco te scioscio ‘lu naso" (E stai zitto tu montone moccioso/ Se vengo lì ti soffio il naso).

  • Durata: 01:31
  • Data: Martedì, 06 Marzo 1973
  • Luogo: Galluccio
  • Provincia: Caserta
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voci maschili
  • Autore: Annabella Rossi