Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Basilicata | Fondo Teche Rai | Dal Radiocorriere | 10 C'è musica e musica

10 C'è musica e musica

  • Genere: Testo
  • Descrizione:

    Vittoria Ottolenghi presenta la puntata di C’è musica e musica, programma di cultura e divulgazione musicale curato da Luciano Berio in onda in prima serata sulla Seconda Rete, dedicata "al canto popolare nelle sue cinque manifestazioni fondamentali: il canto etnico, la canzone popolare, la canzone folk, la canzone di protesta e la canzone di consumo". L’autrice sottolinea come l’argomento, nonostante l’apparente vicinanza e familiarità, si sia rivelato il più complesso tra quelli selezionati per la stessa serie di trasmissioni, "proprio perché intriso di componenti storiche, sociologiche e antropologiche". Perciò il ricorso alla consulenza di Alan Lomax, con cui polemizza Wachsman, docente di etnomusicologia a Chicago, riguardo alla teoria cantometrica "secondo la quale, analizzando sulla base di una quarantina di indici, il modo di cantare di un popolo, si ottiene il 'ritratto' preciso di una società", e di Diego Carpitella "che valuta gli opposti punti di vista nei rapporti tra musica etnica e società, e porta avanti i successivi argomenti: il canto popolare italiano e quel complesso di canzoni popolari contemporanee che vanno sotto il nome di 'folk revival'". "Berio, di fronte a questa meravigliosa molteplicità della musica popolare – o 'del quotidiano' – si pronuncia a favore della canzone di protesta, che, in tutte le latitudini, è la protagonista di molti tipi di contestazione". Su questo tema Carpitella nota come la canzone folk, anche di protesta, sia "il momento del distacco dall’impegno diretto, il momento della riflessione, quando, cioè, si riesce a vedere un problema, una lotta in un’altra dimensione", diversamente da "quando una lotta amara è in atto, e la canzone lascia il posto alla parola detta, magari urlata". Sorprende l’attenzione con cui viene condotta la discussione su temi che trovavano una collocazione affatto marginale nel palinsesto televisivo degli anni Settanta.

    Data: n.13, marzo 1972, pp.107-109

  • Luogo: Roma
  • Provincia: Roma
  • Regione: Lazio
  • Autore: Vittoria Ottolenghi