Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

15 Panegirico del sacerdote

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Dopo la salita del giorno precedente e la nottata passata davanti alla chiesa, all’alba iniziano le messe e nuovi pellegrini arrivano e si susseguono fino alle dieci, ora della messa solenne. Scrive Annabella Rossi in Le feste dei poveri, Sellerio, Palermo, 1986, p. 30: "Durante la funzione giunge ancora qualche ritardatario, il quale, più che parteciparvi, si preoccupa immediatamente di stabilire un rapporto con la statua della Madonna. Nel corso della messa solenne, come liturgicamente stabilito, un sacerdote, chiamato appositamente, pronuncia un panegirico in onore della Madonna, alquanto generico ma che tuttavia muove a commozione gli astanti quando affronta l’argomento della protezione che esercita la Vergine sugli emigrati". La registrazione documenta il momento solenne del pellegrinaggio al Pollino; è possibile ascoltare e distinguere l’enfasi che il religioso pone su alcuni temi di forte impatto emotivo e profondo senso sociale, come il rispetto della moralità, la presenza viva della Madonna, la certezza di vedere esaudite la proprie richieste. A questa predica Annabella Rossi riserva un giudizio insolito e originale: mentre in tutte le altre omelie afferma di ritrovare le tematiche comuni al cattolicesimo egemone, qui i temi sono più "tipicamente popolari". Il sacerdote, nelle prime battute della sua predica, afferma:"Non si è mai sentito alcuno al mondo che si sia rivolto a Maria e non sia stato esaudito, non si è mai sentito alcuno che si sia rivolto alla Madonna del Pollino e non abbia ottenuto la grazia o almeno abbia ottenuto una fede più viva, una fede più forte, una speranza che ha dato forza a portare il dolore". La studiosa individua in queste affermazioni una sorta di riconoscimento e legittimazione di qualsiasi forma di miracolo, una più ampia e meno ortodossa visione della Madonna che il predicatore riporta ad una dimensione più teologica con i temi di una "fede più viva" e una "speranza che dà la forza di portare il dolore". E ancora, analizzando questo panegirico, A. Rossi scrive: "Anche quando si affrontano gli argomenti della salute, del lavoro, dell’emigrazione – temi che toccando da vicino l’esperienza della maggior parte dei presenti suscitando maggiore commozione – vi è un immediato passaggio all’accettazione delle sofferenze cristiane, alla grazia della perseveranza finale. Dalla rassicurazione specifica che è richiesta dai pellegrini si passa cioè ad una rassicurazione di ordine più generale e spirituale e le richieste specifiche vengono inglobate come se fossero richieste generiche: di purezza, di moralità, di maggior fede".

    La registrazione è avvenuta nel luglio 1968, data imprecisata

  • Durata: 09:39
  • Luogo: San Severino Lucano
  • Provincia: Potenza
  • Regione: Basilicata
  • Esecutore: Sacerdote: voce
  • Autore: Annabella Rossi