Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Abruzzo | Fondo Museo delle Genti d'Abruzzo | Domenico Di Virgilio | 054 Eccheme bbella c’aie revenute

054 Eccheme bbella c’aie revenute

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Eccheme bbella c’hajje remenute
    le bbellizze tè l’hiene revulute.

    Pe revederte che tante letizie
    reporte vainelle e reulizie.

    Doppe c’hajje fatte suole stù tratture
    ce rabbraceme stritte core a core.

    Quande è Demeneca e facème festa
    me piece che ssù cappellitte ‘n testa.

    I lècce che tu porte a fantasiè
    mittene a tutte tanta sempatiè.

    Quande alla Messa prieghe e può t’enchene
    tu mitte mmidia pure alle reggene.

    A dirle a mammuta nen ce la facce
    quande hèma fa pe nnù jù catenacce.

    Ju preute m’ha ditte ‘n’sacrastie
    a’ huanne v’èta spusà ‘n’grèzia de Ddie.
    Appenesella. Il tema della partenza e della serenata ha dato vita anche ad una tradizione locale di componimenti d’autore. A Scanno la serenata ai zite era chiamata appenesella. Il testo qui cantato è tratto dal volume di Donato Ciccotti: Le appeneselle, Roma, Edigraf, 1991.

  • Durata: 04:29
  • Data: Mercoledì, 08 Settembre 1993
  • Luogo: Scanno
  • Provincia: L'Aquila
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Donato Cicciotti: voce, Ernesto Mancini: chitarra, Gianni La Villotti: fisarmonica, Stefano Di Vitto: chitarra, Giuseppe Mancini: contrabbasso, Giulia Liberatoscioli: violino
  • Autore: Domenico Di Virgilio