Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

044 E cui l’alive e versi Firenz

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: E cui l’alive e versi Firenz
    versi Firenza li vutive la rame

    Ciaveti l’occhi nere e seti bbelle
    e tineta lo culore di lu curalle

    Chi li vo rpurtà  la nov’a mamme
    e lu cuor l’aie dunat’a la Madonna

    A lu pettuccie di Maria Giovanna
    c’è fa la neve lu mesa di Giugno

    Quando spunti lu sole la matine
    e na la finestra tu la prima sfere

    Quandi sponda lu sole
    l’amore s’abbandoni e non si lasce

    Chi ti l’ha fatti fa a ji da lundane
    l’amande la tinivo da vicino

    Chi ti l’ha fatti fa si pen’ amare
    e durmiri na lu letti sola sola

    Nu giorna mi truvivi na na rise
    e lu sorgia li mittè lu fil’all’ aghe

    Lu sorgi li mitteva lu fil’all’ aghe
    e la gatti l’arcucevi la camice

    E chi li vo sballà va a la siella
    e chi la vo lascià caruccia bbella
    A cojie l’alivë, canto per la raccolta delle olive. Pur con qualche indecisione ascoltiamo qui un esempio di come durante il canto veniva "manipolato" il distico di endecasillabi. E’ questa la struttura metrica su cui è costruito gran parte del repertorio lirico abruzzese. Il verso viene spezzato è passato di voce in voce con abbellimenti e riprese di sillabe o singole parole. Importante per una buona esecuzione, indice anche dell’abilità degli esecutori, è mantenere una certa consequenzialità tematica tra i distici. Brano incompleto, registrazione interrotta.

  • Durata: 07:23
  • Data: Sabato, 11 Luglio 1992
  • Luogo: Farindola
  • Provincia: Pescara
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Maria Salzetta, Bambina Miraglia, Elisa Margotti, Carolina Cardone, Filomena Astolfi: voce
  • Autore: Domenico Di Virgilio