Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

005 Mo si ni cale lu sole

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    L'esecuzione del canto, noto come lu cala sole, è in forma polivocale a due voci con un andamento omoritmico per terze. La prima voce intona il I verso e sul finire entra all'unisono la seconda voce che procede poi ad una distanza di terza per tutto il II verso; medesimo procedimento si ha sul III e IV verso. La struttura strofica è formata da un distico con l'aggiunta di parole non senso inserite al fine di creare la giusta corrispondenza tra metrica verbale e metrica musicale. Nel canto di tradizione orale si fa ricorso a tale espediente utilizzandolo indistintamente sia nel genere lirico-monostrofico che in quello epico-lirico. Le frasi non senso più utilizzate negli stornelli sono: di sù di jù di qua e di là/ ndindelendì endà endà/ lu cana ti pozza muccicà/ amore belle dammi na mà/ mo te l'acconde come la va.

  • Durata: 03:33
  • Data: Sabato, 09 Settembre 1995
  • Luogo: Campo delle Piane (Montebello di Bertona)
  • Provincia: Pescara
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Maria Carmine (1926) e Serafina Iannacci (1931), Antonietta Barrucci (1927), Marianna Cardone (1934), Lucia Pavone (1922), Luisa Darmi (1927): voce
  • Autore: Carlo Di Silvestre