Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

040 Il ditt: la recitazione

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Sala da barba di Francesco Solimando. Il Pulcinella era il personaggio comico che chiudeva lo spettacolo. Comandava la quadriglia finale a cui partecipava il pubblico presente. Cosimicchio e Trippetta raccontano aneddoti legati ai comandi del ballo, spesso stravolti e variati ironicamente, ai quali i ballerini si assoggettavano, comprese le donne. Il ballo diveniva quindi un gioco collettivo. I comandi potevano diventare, per esempio: "cavalieri date un calcio alla dama!""mettete un dito nell’occhio della dama""una mano in c…". Ognuno recitava a proprio modo, spesso ripetendo pedissequamente quanto indicato dal suggeritore: "pausa!" e l’attore: "pausa!". La recitazione talvolta era di tipo realistico, altre volte epica e simbolica. Uno dei personaggi era il Diavolo Nero. Si recitò Otello. Gli attori più richiesti erano gli uomini sessuali (omosessuali): erano cinque o sei in paese, richiesti dalle varie compagnie. Erano bravi, intrepretavano i ruoli femminili, cantavano, danzavano. In alcune delle recite degli ultimi anni erano inserite canzoni nel testo. Si cominciarono ad adottare libretti stampati di opere e altri soggetti. Dopo il dramma, c’era il varietà e poi la farsa. Riprendono a descrivere il contrasto tra vecchia e diavolo. Il diavolo era dipinto di nero, anche sul volto, con la coda e le catene, quando parlava sembrava grugnire.

  • Durata: 13:23
  • Data: Domenica, 20 Marzo 1977
  • Luogo: San Nicandro Garganico
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Francesco Solimando (Cosimicchio) nato nel 1910, barbiere: voce; Giuseppe Russo (Trippetta) nato nel 1910, muratore: voce; Antonio Gravina (Rignanese) nato nel 1909, bracciante: voce; Ciro Michele Meola, nato nel 1916, impiegato comunale: voce
  • Autore: Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero, Alberto Vasciaveo