Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Rinaldi | Minervino Murge | 14 E lu jurne de la Madonna

14 E lu jurne de la Madonna

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Canto politico sulla rivolta del pane avvenuta a Minervino Murge nel 1898.

    E lu jurne de la Madonne
    Re uagnarde si scevene a ‘sconn’
    E lu jurne de l’Angurnete
    Menerveine s’è revultete
    E curreite curreite uagneune
    Sciamm’a jardi la Chemmeune
    La Chemmeune avimm’jars’
    Sciamm’a jard’a l’agend’ ‘le tass’
    Mò ni sciamme sotte sotte
    Sciamm’a jarde u Malignott’
    Mò n’ascennimme da li Capeceine
    Sciamm’a jarde allu muleine
    Mò ni sciammi chiazza chiazz’
    Sciamm’a jard’e ‘Manuele Pricchiazz’
    E Debranne ch’abbasce a li funn’
    Sceve scappanne cume nu palumme
    Ueh’ pigliammi la catarr’
    Sciamm’a jard’allu bazar
    Battiste Barlette tu aggiuste li peis’
    Ca se none tu sind’ acceise
    Jeij li peise no li vogghje aggiusta’
    Nu cheile de fareine l’avit’a paghèi
    E Battiste aggiuste li peise
    Ca se none tu sind’ acceis’
    Non me ne cour’ de li zappatoure
    Tengh’ le suldate che li canneune
    Ch’i fuceile e bajenette
    Sciamm’acceid’ a Battiste d’ Barlette
    E Battiste da’ u balcungeine
    Li menave li marangheine
    Marangheine na li vulimm’
    Ascinn’abbasce ca t’accedeim’

    I rilevanti rincari del prezzo della farina e del pane le cause che determinarono la rivolta contadina del 1898. Nel 1897 vi fu una notevole carestia e coloro che, come Battista Barletta, svolgevano il ruolo di mediatori, si arricchirono in breve tempo comprando anticipatamente il grano in inverno e, dopo averne fatto incetta, rivendendolo in estate facendone lievitare il prezzo. Il 1° maggio 1898 la folla esacerbata per il continuo aumento del prezzo del grano, insorse. Quel giorno, nel primo pomeriggio, abbattuto il muro che divideva il Municipio dal Monte dei Pegni, fu incendiata e devastata la Casa Comunale. Furono dati alle fiamme l'Ufficio del Registro, delle Imposte Dirette, delle Poste e delle Guardie Municipali, la Pretura. Dopo aver incendiato il Municipio venne dato l'assalto all'abitazione di Battista Barletta, ritenuto il principale responsabile della penuria del pane. Barletta si difese sparando sulla folla, la quale reagì irrompendo nella casa e trucidandolo. Il popolo si recò poi ad incendiare il casino dei proprietari in piazza. Il dott. Giovanni Brandi temendo che anche la sua casa fosse incendiata, sparò un colpo di fucile uccidendo un contadino. Ma ciò non bastò a spaventare la folla che dopo averlo inseguito lo uccise. Altri incendi furono appiccati al mulino e al magazzino di Battista Barletta. Le forze dell'ordine locali per riuscire a sedare la ribellione dovettero attendere i rinforzi dell'esercito, assediati com'erano all'interno della caserma dei carabinieri.
    In copia nel Fondo Leydi (raccolta G. Rinaldi, Minervino Murge 1978 brano 16).

  • Durata: 03:55
  • Data: Sabato, 27 Maggio 1978
  • Luogo: Minervino Murge
  • Provincia: Barletta-Andria-Trani
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Natale Orecchia (n. 1927) bracciante e militante del PCI: voce
  • Autore: Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero