Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo Rinaldi | Canti sociali | 11 E cume vogghie fè

11 E cume vogghie fè

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Canto di lavoro e canto sociale.


    E cume vogghie fè 
    e ghej la nott' non dorme 
    me coreche u sunn' perse 
    e ghei ch'i scarpe rott' ue menenna mej

    Po' pigghj'e faceve quidd': Calaim'e non meteime! 

    E cume vogghie fèj 
    e la fertuna mej 
    me I'anne carcerate a llu mio bell' 
    ue menenna mej 

    E ue madonn' dureite e ue madonn' durej 
    se nonn'agghj'a quidde vagnoune 
    e ghej non me mareite 
    ghej non me mareite

    Calaim'e non meteime! 

    E ue madonn'e cCriste e ue madonn'e cCriste 
    non vogghie lu cafoune 
    j vogghie l'artist' 
    j vogghie l'artiste

    Calaim'e non meteim'uagnò! 

    E cume vogghie fej e cume vogghie fej 
    e preime 'n galeire 
    e moue a sserv'o rre 
    moue a sserv'o rre

    E ue madonna de l'Addulureite 
    a preime gheve bunn' 
    e moue so scargerreite 
    moue so scargerreite

    Calaim'e non meteim'uagnou! 

    E ue madonn' e de l'Addulurej(te) 
    e scansamille toue 
    da li suldaite 
    uè da li suldaite

    E ue madonn' madonn' de la Salett' 
    la feine de la guerr' 
    e ghej t'aspett' 
    e ghej t'aspett'

    Calaim'e non meteime! 

    E come posso fare/ io la notte non dormo/ mi metto a letto senza sonno/ e con le scarpe rotte ragazza mia// Poi piglia e faceva quello [il soprastante]: Ci pieghiamo e non mietiamo!// E come posso fare/ è la mia sorte/ me l'hanno carcerato/ il mio bello ragazza mia// Oh madonna dorata oh Madonna dorata/ se non posso avere quel ragazzo/ io non mi sposo/ io non mi sposo// Ci pieghiamo e non mietiamo!// Oh madonna e Cristo oh Madonna e Cristo/ non voglio il cafone/ io voglio l'artigiano/ io voglio l'artigiano// Ci pieghiamo e non mietiamo ragazzi!// E come posso fare e come posso fare/ prima in galera/ e ora a servire il re [in guerra] ora a servire il re// Oh Madonna dell'Addolorata/ era meglio prima/ di ora che sono scarcerato/ di ora che sono scarcerato// Ci pieghiamo e non mietiamo ragazzi! // Oh Madonna dell'Addolorata/ evitami tu/ di andar soldato/ di andar soldato// Oh Madonna Madonna della Saletta/ alla fine della guerra/ io ti aspetto/ io ti aspetto// Ci pieghiamo e non mietiamo!

    Si cantava sul lavoro, in particolare durante la mietitura del grano. Lo evidenzia il grido del soprastante ('Ci pieghiamo e non mietiamo') incluso da Totaro tra le strofe e memorizzato come parte integrante del canto. La registrazione è stata pubblicata nel disco "Il sole si è fatto rosso. Giuseppe Di Vittorio” (DS 316/18), Milano 1978. Registrazione pubblicata in Giovanni Rinaldi–Paola Sobrero, La memoria che resta. Vita quotidiana mito e storia dei braccianti nel Tavoliere di Puglia, Aramirè, Lecce, 2004 (Prima ed. Foggia, 1981).

  • Durata: 01:46
  • Data: Domenica, 28 Maggio 1978
  • Luogo: Cerignola
  • Provincia: Foggia
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Savino Totaro (n. 1906 a Cerignola) contadino: voce
  • Autore: Giovanni Rinaldi, Paola Sobrero, Antonio Talia, Alberto Vasciaveo