Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

01 Cundë Marchë

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo:

    Mamma: Figghia figghia ca të vogghië accasèja
    Figghië: Tu mamma me dïmmìlla ci n’è lu zita [bis]
    Mamma: Figghjë ca Cundë Marchë të vogghjë deja
    ca jè padrunë dë trendasei castella [bis]
    Figghië: Ù Cundë Marchë vo’ ca ‘ngì spuseja
    pë Cundë Genië me ‘nghià scì cucheja [bis]
    Narratore: Pë quandë jonë sciutë pë së ripuseja
    Figghië: Tu Cundë Marchë ‘na grazia vogghjë da teja: [tris]
    tre giornë vacandija tu mma ffè steja [bis]
    Narratore: Ù Cundë Marchë ‘ngì la cungïdëta
    së votë all’otra parta e addurmësciöuta [bis]
    e quandë Cundë Marchë addurmësciöuta
    la zitë da jindë ù letta së ‘nà füsciöuta [bis]
    Figghië: Cundë Marchë japri sti porta 
    ca ngì scappetë lù pundë da jindë a morta [bis]
    Genië: Quand’era vacandì ‘na mma vülöuta
    ca mù sì ammarïteta të ‘na vënöuta [bis]
    Figghië: Tu Cundë Genië jagghjë credërë a meja 
    ca ‘sò cumë a ‘na rosa a vacandija [bis]
    Cundë Marchë: Oh Cundë Genië mìë japrë sti porta
    ca mà scappetë a mula da jindë à corta [bis]
    Genië: Chessë ‘na nnè mula della tua razza
    questë è la bella mia la tenghë in brazza [bis]
    Cundë Marchë: Spaccietë spacciatellë dammi l’anella
    ca a mmè mi jiostë trendasei castella [bis]
    Figghië: L’anellë na ssï lascì pë curë vesa
    pë ‘nù dëlorë ù cuora cë tu arrummèsa [bis]
    Narratore: Pïgghiëmë ‘na chitarrë scemë a sunejë
    vu donnë cï l’avita lë filë bella [tris]
    ‘na lli scetë accassannë senza vulündeja [bis]
    chessë ‘na jè pezzë arrëpëzzeja
    quannë ‘na la vuleita ‘vù la scuseïta [bis]

    Traduzione:
    Figlia ti voglio maritare/ Dimmi mamma chi è lo sposo/ bis/ Figlia Conte Marco ti voglio dare/ che è padrone di trentasei castelli/ bis/ Il Conte Marco vuoi farmi sposare/ ma con Conte Eugenio mi andrò a coricare/ Quando sono andati a riposare/ Conte Marco una grazia voglio da te/ tris/ tre giorni illibata mi devi lasciare/ bis/ Il Conte Marco glielo concede/ si volta dall’altra parte e si addormenta/ bis/ e quando Conte Marco si addormentò/ la sposa dal letto se ne scappò/ bis/ Conte Eugenio apri questa porta/ che è mancato poco che morissi/ bis/ Quando eri nubile non mi hai voluto/ adesso che ti sei maritata vieni da me/ bis/ Conte Eugenio devi credermi/ sono intatta come una rosa/ bis/ Oh Conte Eugenio apri questa porta/ che è scappata la mula dalla stalla/ tris/ Questa non è mula della tua razza/ è la bella mia che ho in braccio/ bis/ Sfacciata dammi l’anello/ che mi costa trentasei castelli/ L’anello non te lo rendo per quel bacio/ per il dolore al cuore che tu hai lasciato/ bis/ Prendiamo la chitarra e andiamo a suonare/ donne che avete figlie belle/ tris/ non le sposate contro la loro volontà/ bis/ questa non è una stoffa rammendata/ che quando non la volete la scucite/ bis


    Diffusissimo canto epico-lirico cantato generalmente da donne durante il lavoro nei campi. Interessante è la morale finale che sottolinea uno degli aspetti più negativi della condizione femminile.

    Data: 2001

  • Durata: 06:05
  • Luogo: Contrada San Marco - Locorotondo
  • Provincia: Bari
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Grazia Conte, Angela e Palma Calella, Maria Ruggeri: voce
  • Autore: Massimiliano Morabito