Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Puglia

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Puglia | Fondo documentari e fiction | Altri filmati | Cu li trapassa l'anima e lu core

Cu li trapassa l'anima e lu core

  • Genere: Filmato
  • Filmato:

  • Descrizione:

    Un documentario di Marcello Fersini, Roberto Inciocchi e Luis Padilla, con la collaborazione di Giovanna Bandini, sul Salento come terra di confine, di transito, e di canti. 
    Il primo interlocutore è Luigi Chiriatti, ricercatore e animatore culturale salentino, che insegue ricordi di famiglia: le riunioni serali a raccontare le storie e dar vita al canto, d’angoscia, d’amore e di denuncia, il ripetere i ritmi e i suoni per alleviare le fatiche e socializzare lo sforzo nel lavoro. E ancora le tipicità della Grecìa Salentina, isola linguistica e culturale, la tradizione dei moroloja e dei canti di questua, il repertorio dei carrettieri, le serenate, l’ironia, il sorriso amaro che attraversa la cultura orale. 
    I Cantori di Martano eseguono Aremu rindineddha, la passiuna, un canto dei trainieri e alcuni stornelli. A illustrare la tecnica di costruzione dei tamburelli è chiamato Biagio Panico. Il tamburo, come strumento simbolo dell’unità culturale del mondo mediterraneo. Cambia il modo di suonare, scrivono gli autori, la tecnica è diversa, ma il ritmo è lo stesso. Terzina incollata a terzina e poi un’altra e una ancora…, come il ritmo ciclico eseguito da Lamberto Probo. Il colpo sul tamburo scandisce un tempo che pretende rispetto, patrimonio di una terra d’accoglienza e di frontiera, per chi parte e per chi arriva. 
    Alcuni protagonisti del movimento di riproposta, come Claudio Miggiano, con violino e chitarra d’accompagnamento, riflettono sul senso della tradizione, che “è come la casa, in cui sei nato”, ma che, sottolinea Donatello Pisanello, deve essere anche un confronto tra stili di vita distanti nel tempo, dalle pratiche alimentari alle tecniche costruttive, la trasmissione attraverso le generazioni del saper stare nell’ambiente, istanze che devono trovare veicolo nella diffusione della cultura musicale. 
    Cinzia Marzo, intensa interprete e compositrice, tratteggia la condizione delle donne nella storia salentina, e fa emergere una personalità femminile forte e dignitosa, un canto fisico e profondo, senza mielismi. Esecuzioni in presa diretta del gruppo Fanòs e degli Officina Zoè, col commento di Pino Zimba.

    Data: 2006

  • Durata: 43:53
  • Luogo: Salento
  • Regione: Puglia
  • Esecutore: Gigi Chiriatti, Cinzia Marzo, Claudio Miggiano, Biagio Panico, Donatello Pisanello, Lamberto Probo, Pino Zimba, Danilo Andrioli, Paride Argirò, Cosimo Chiriatti, Sergio Fracasso, Angelo Litti, Francesca Mariano, Maria Luce Trovè
  • Autore: Marcello Fersini, Roberto Inciocchi, Luis Padilla