Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

05 Si m' 'a vuo' fa' 'na 'nferta

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Aprimmo ll'anno nuovo
    cu tricchetracche e botte
    spariamo in questa notte
    in allegria
    E quanno accumparette
    la luminosa stella
    'na bella gruttecella
    e li pasturi
    Nascette lu messia
    avvenne puveriello
    co voie e l'aseniello
    pe vrasera
    Dicite 'o papa a roma
    ca 'e prievete so' fetienti
    ca ogni letania
    so mille lire
    'Na vecchia fattucchìera
    addetta a li fatture
    le dettero 'ncunzegna
    'na criatura
    Stasera che giochiamo
    sul tavolo rotondo
    difendimi padrone
    di tutto il mondo
    Chi arape e' sette e mmeza
    chi chiude ell otto e mmeza
    se face miezejuorno
    senza fà' 'a spesa
    E 'stu patrone 'e casa
    è overo 'nu signore
    ca pe ||'occasione
    nu scumparisce
    E 'a ccà nun ce ne iammo
    c' 'a faccia è troppo tosta
    simmo venute apposta
    e ll'aspettammo
    Si 'stu patrone 'e casa
    va abbascio a la cantina
    portasse 'o fiaschiello
    chino 'e vino
    Si m' 'a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella de nucelle
    ca puozze fà' nu figlio
    mariuncìello
    Si m' 'a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e capitone
    ca pozza 'nturzà' 'ncanna
    'o valanzone
    Si m' 'a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e purtualle
    ca puozze fà' 'nu figlio
    senza palle
    Si m' 'a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella de limone
    ca puozze fà' 'nu figlio
    sarchiapone
    Si m' 'a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e tutte cose
    ca puozze fà' 'nu figlio
    chino 'e 'mbroglie
    Nui nun vulimmo niente
    castagne fiche e noce
    e ll'ate cose doce
    e 'o susamiello
    Comme 'o principio 'e ll'anno
    cu tricchetracche e botte
    spariamo in questa notte
    in allegria


    Apriamo l'anno nuovo/ con tricchetracche e botti/ spariamo in questa notte/ in allegria// E' nato il Messia/ è venuto da povero/ col bue e l'asinello/ come braciere// E quando è apparsa/ la luminosa stella/ una bella grotta/ e i pastori// Dite al Papa a Roma/che i preti sono mascalzoni/ ogni litania/ costa mille lire// A una vecchia fattucchiera/ esperta in fatture/ affidarono/ un bambino// ... Chi apre alle sette e mezza/ chi chiude alle otte e mezza/ si fa mezzogiorno/ senza aver fatto la spesa// Questo padrone di casa/ è un vero signore/ che in questa occasione/ non fa una brutta figura// Di qua non ce ne andiamo/ perchè abbiamo la faccia di corno/ siamo venuti apposta/ e restiamo ad attenderlo// Se il padron di casa/ scende in cantina/ ritorni col fiasco/ colmo di vino// Se mi vuoi fare un'offerta/ dammi delle nocciuole/ che possa fare un figlio/ ladruncolo// Se mi vuoi fare un'offerta/ dammi dei capitoni/ che possa andarti per traverso/ la coda// ... di arance/ che possa fare un figlio/ senza coglioni// ... di limoni/ ..../ brutto e stupido// ..../ dammi tutto/ ..../ pieno di guai// Noi non vogliamo niente/ castagne, fichi e noci/e le altre cose buone/e il susamiello [dolce di mandorle]// Come a Capodanno/ con tricchetracche e botti/ spariamo questa notte/ in allegria
    Canto di questua per il periodo di Natale e Capodanno, ampiamente diffuso con numerose varianti e soggetto a improvvisazioni d'occasione. L'esecuzione deriva dalla fusione di due tronconi, registrati nel 1974 rispettivamente durante la festa della Madonna dei Bagni (Scafati) e a S. Marzano.

    Data: 1975

  • Durata: 06:57
  • Luogo: Salerno
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Andrea Bastolla, Adriana Ciaco: canto; Carlo Vassallo: chitarra, coro; Geppino Gentile: coro; Iole Musi: coro, campanelli; Gelsomino D'Ambrosio: tammorra, coro; Paolo Apolito: tammorra
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno