Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

02 Canti sull'organetto

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Aggregazione di brani, in sequenza: Bella figliola, frammento di un canto d'amore alla cilentana, raccolto nella forma monodica e con accompagnamento di organetto a Cannicchio nel settembre 1975; l'apostrofe iniziale è un attacco tipico, comune a una fitta serie di canti. ll cantatore, secondo un uso generalizzato, adegua timbro e volume della voce al tono dello strumento con un'emissione lacerata, che si ricompone solo nelle note finali; l'intermezzo strumentale acquista perciò anche una funzione di recupero per lo sforzo vocale. Tarantella, ascoltata alla festa di S. Anna a Pellezzano nel giugno 1975, ha come particolarità le note staccate ("mozzicate" sulla tastiera dell'organetto) e la frase breve e ossessivamente ripetuta, è una delle musiche che più frequentemente accompagna un ballo con funzione di sfida osservato, oltre che a Pellezzano, a Baronissi e a Montoro, che comprende, fra le altre figure, il duello con i fazzoletti e con i bastoni, oramai sempre meno eseguito. I'comme t'aggi amato, sequenza di terzetti alla campagnese, raccolti in varie occasioni nel 1975 e nel 1976 a Campagna e a Eboli. La campagnese, conosciuta in un'area più ampia di quella d'origine, appartiene al vasto genere di stornello e/o strambotto, comunque di canto lirico-monostrofico, meridionale, che, piuttosto omogeneo nei temi e nelle forme testuali, si articola in molti e diversificati modelli musicali, secondo veri e propri codici locali di espressione canora, in cui quasi costante è solo l'andamento discendente della melodia e frequente l'altalenare fra cantato e gridato nelle prime note di ogni nucleo strofico. La campagnese è appunto una forma locale tipica, generalmente con ripresa corale e con accompagnamento di organetto, come tali sono le più diffuse tammurriate e cilentane.

    Data: 1976

  • Durata: 09:50
  • Luogo: Salerno
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: (Bella figliola) Carlo Vassallo: voce, organetto; Iole Musi: campanelli. (Tarantella) Carlo Vassallo: organetto; Gelsomino D'ambrosio: tammorra. (I' comme t'aggi 'amato) Gelsomino D'Ambrosio: voce, triccheballacche, Iole Musi: voce; Adriana Ciaco, Geppino Gentile, Andrea Bastolla: coro; Carlo Vassallo: coro, tammorra; Gianfranco Rizzo: organetto
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno