Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Teatrogruppo di Salerno | La ricerca | San Marzano sul Sarno 1975 | 31 Si m’ ’a vuo’ fa’ ‘na ‘nferta

31 Si m’ ’a vuo’ fa’ ‘na ‘nferta

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Aprimmo ll'anno nuovo
    cu tricchetracche e botte
    spariamo in questa notte
    in allegria

    Coro:
    (in allegria
    spariamo in questa notte
    in allegria)

    E quanno accumparette
    la luminosa stella
    'na bella gruttecella
    e li pasturi

    Nascette lu messia
    avvenne puveriello
    co voie e l'aseniello
    pe vrasera

    Dicite 'o papa a Roma
    ca 'e prievete so' fetienti
    ca ogni letania
    so mille lire

    'Na vecchia fattucchiera
    addetta a li fatture 
    le dettero 'ncunzegna
    'na criatura

    Stasera che giochiamo
    sul tavolo rotondo
    difendimi padrone
    di tutto il mondo

    Chi arape e' sette e mmeza
    chi chiude ell otto e mmeza
    se face miezejuorno
    senza fà' 'a spesa

    E 'stu patrone 'e casa
    è overo 'nu signore
    ca pe ll'occasione
    nu scumparisce

    E 'a ccà nun ce ne iammo
    c"a faccia è troppo tosta
    simmo venute apposta
    e ll'aspettammo

    Si 'stu patrone 'e casa
    va abbascio a la cantina
    portasse 'o fiaschiello
    chino 'e vino

    Si m"a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella de nucelle
    ca puozze fà 'nu figlio
    mariunciello

    Si m"a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e capitone
    ca pozza 'nturzà' 'ncanna
    'o valanzone

    Si m"a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e purtualle
    ca puozze fà' 'nu figlio
    senza palle

    Si m"a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella de limone
    ca puozze fa' 'nu figlio
    sarchiapone

    Si m"a vuò fà' 'na 'nferta
    fammella 'e tutte cose
    ca puozze fà' 'nu figlio
    chino 'e 'mbroglie

    Nui nun vulimmo niente
    castagne fiche e noce
    e ll'ate cose doce
    e 'o susamiello

    Comme 'o principio 'e ll'anno
    cu tricchetracche e botte
    spariamo in questa notte
    in allegria

    Canto di questua (o di ’nferta) per il periodo di Natale e Capodanno, eseguito a più voci e con l'accompagnamento del tamburo. Questo brano, diffuso in tutta l'area campana e conosciuto anche come Canzone di Capodanno, è presente anche in diverse varianti tradizionali della Cantata dei Pastori dove viene eseguito come canzone finale cantata da Razzullo, Sarchiapone e tutta la compagnia. Sia De Simone che Annibale Ruccello ne raccolsero alcune lezioni sul campo a Castellamare di Stabia nel 1976 (si veda a tal proposito R. De Simone, La cantata dei pastori, Einaudi, 2000) che a Pimonte nel 1974 (si veda A. Ruccelllo, Il sole e la maschera. Una lettura antropologica della Cantata dei pastori, Stamperia del Valentino, 2008). Lo stesso canto è stato riproposto anche dal Teatrogruppo nel disco Musica popolare del salernitano, dopo averne raccolte alcune varianti tra Scafati e San Marzano.

  • Durata: 04:51
  • Data: Domenica, 12 Gennaio 1975
  • Luogo: San Marzano
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Peppe Langella: voce; Zì Tore: voce, tamburo a cornice; anonimi: voci
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno