Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

03 Nun me chiammate cchiù Donna Sabella

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Nun me chiammate cchiù Donna Sabella
    Chiammateme Sabella sventurata
    M'aggia jucate trentasei castelli
    Tutta la Puglia e la Basilicata

    L'autr' ieri m'accattaie 'na vigna
    Me 'nce accattai 'ncoppa a 'na montagna
    'Nso' chi passa se ne fa' na pigna
    Povera vigna mia chi coglie e magna
    Esecuzione di un canto con accompagnamento del tamburo, la cui prima quartina rimanda a versi diffusi in tutto il Meridione come Lamento di Donna Sabella. Quest'ultima è stata identificata da alcuni (in primis Vittorio Imbriani, che però ha cambiato interpretazione in un secondo tempo) con Isabella d’Aragona, moglie di Galeazzo Sforza, da altri (Minieri-Ricci, Prota-Giurleo e lo stesso Imbriani) con Isabella Villamarino, moglie di Ferrante Sanseverino, e da altri ancora (D'Ancona, Croce, Doria, De Simone e Leydi) con Isabella di Lorena, moglie di Renato D'Angiò. All'inizio del documento qualcuno presenta il brano come "celentana" (cilentana) e "Donna Sabella e ‘a vigna". L'esecuzione viene ripetuta due volte, la prima con le cadenze vocali che terminano in "i" (ad esempio Donna Sabelli) come sottolineato dal cantore stesso che dice: "'a facimme co' i" (la facciamo con la "i") e l'ultima con le cadenze in "a".

  • Durata: 03:58
  • Data: Domenica, 12 Gennaio 1975
  • Luogo: San Marzano
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Peppe Langella: voce; Zì Tore: voce, tamburo a cornice
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno