Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Teatrogruppo di Salerno | La ricerca | Eboli 1975-1977 | 10 'No juorne me ne jetti mare mare

10 'No juorne me ne jetti mare mare

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: ‘No juorno me ne jetti mare mare
    truvaie 'na funtanella ca nun ghieva
    truvaie 'na funtanella ca nun ghieva
    la la la, li la li li la… la la la, li la li li la

    Chella nun era brutta ne funtana
    e la nennella mia appriesso veneva
    la la la, li la li li la… la la la, li la li li la

    Chella era ‘na funtanella fresca e cara
    me 'nc'assettaie vicino mente beveva

    fresca e cara

    Me 'nc'assettaie vicino mente beveva
    la la la, li la li li la… la la la li la li li la

    Care cumpagne nun ce avvilimme
    vì commme stammo belle sotto ‘a ‘sta pigna
    nun ce avvilimme
    vì commme stammo belle sotto ‘a ‘sta pigna
    la la la, li la li li la…

    Bella figliola cu' stu pietto tuosto
    a san Martino comme sta pruvista
    si arrive a zumpà ‘ncopp’a ‘stu tuoste
    ie so’ cecate e me vene la vista

    Bella figliola cu' stu culo 'a grillo
    sotto 'nce tieni la cuccepannelle
    ce fai pazzià tanta cardilla
    fance pazzià ‘stu mierlo bella

    Campagna nun se chiamma cchiù Campagna
    se chiamma lu paese dell'ammore
    cchiù Campagna
    se chiamma lu paese dell'ammore
    la la la li la li li la, la la la li la li li la

    Sequenza di canti eseguiti da più voci maschili e accompagnati dall’organetto. Tali canti sono definiti terzetti alla campagnese in riferimento alla cittadina di Campagna ma sono diffusi in tutta l’area circostante (nel booklet allegato al disco Carnuvà pecchè sì muorto è scritto che "… la campagnese, conosciuta in un’area più ampia di quella d’origine, appartiene al vasto genere di stornello e/o strambotto, comunque di canto lirico-monostrofico, meridionale, che, piuttosto omogeneo nei temi e nelle forme testuali, si articola in molti e diversificati modelli musicali…". Alla fine dell’esecuzione uno degli informatori accenna ad un altro canto (E levate ‘a vestulella…) che sembra richiamare un’antica canzone napoletana probabilmente di tradizione orale, ’A cammesella (conosciuta anche come Levate ‘a cammesella) pubblicata nel 1875 con versi di Luigi Stellato e musica di Francesco Melber ma anche nota per una precedente versione pubblicata da Teodoro Cottrau (versi e musica) nel 1878 col titolo E benedetta màmmata!.

  • Durata: 06:53
  • Data: Sabato, 11 Ottobre 1975
  • Luogo: Eboli
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voci, fisarmonica, triccheballacche
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno