Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Teatrogruppo di Salerno | La ricerca | Eboli 1975-1977 | 09 Sentite uè cumpagne 'e ‘sta fatica

09 Sentite uè cumpagne 'e ‘sta fatica

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Sentite uè cumpagne 'e ‘sta fatica
    ve voglio cuntà ‘e pile ‘e tutt'amice
    se permettete ancora n'ata cosa
    primma ca' ie la faccio ‘sta fetosa

    Ca nuie simmo 'na uttantina
    ca partimmo ogni matina
    per il lavoro
    però s'arrabbia sempe ‘stu dottore

    O' dottore e 'o sindacato
    lindo e 'o sindaco e o' comitato
    ancora ‘o riesto
    ca nun truvammo pace manca 'a festa

    Munaciello cu ‘e trapularelle
    Peppe Caputo fà 'a tarantella 
    Ferdinando che è ‘o pazziariello
    e Teodoro
    A parole conquistà 'nu forte trove


    Ntonio Mirra fa' 'o cassiere
    tene chiuse e'cannuliere
    comme fosse tabacchiere
    ‘int'a ‘sta cassa
    ca servono sultanto pe dice 'a messa

    Simeone ca si ribatte
    Coralluzzo ca se ne fotte
    si se sceta chillo matto
    Pompetiello ca s'è redutto
    e Michelino
    ca se pazzea buone Aquilino

    E Gallotta rosta rosta
    mena cauci int'a 'prosta
    se vo’ fa amico po' capitano
    aspetta ca ce 'a mette mmano 
    'a chiavetella
    Vuoi ì ca loco chillo te rompe aniello

    Scucuzziello pe' chillu mussillo
    vo’ fa’ 'o capo de’ gurilla
    po’ risponne Verderame
    e ce dice damme 'o ppane
    A chi vuo’ sfotte
    si siente suonno va’ te cocca 'a notte

    Ve voglio raccuntà 'a siconda parte
    nun ve credite ca ve voglio sfotte
    C'è 'nu pruverbio antico
    dice esatto
    o fora ‘o carcerato ce porta a' lotte

    Ce canosceno e' carabinieri
    tutte e' guardie  e i pumpieri
    'nu plotone 'e fanteria
    mitraglieri e artiglieria
    ‘e barbieri pe' cuseture
    pure 'e figlie 'e 'Ntonio Turo
    E chistu passo 
    pure Donato è addeventato fesso

    E vuie salariati 'e st'azienda
    nun ve facite cchiù 'mbruglià 'e sta gente
    si no finite comme 'o diciannove
    chi serve a li patrune
    'mpagliara more

    Nun tenite cchiù ingordizia
    ma mettite lu giudizio
    pe’ colpa vostra
    nun vonno esaminà chelli proposte

    Carmeniello troppo buono
    guarda all'ate e po’ se move
    Ciccilluzzo che è 'o cumpagno
    ca se mena e nun se lagna
    ‘Ntonio ‘e Iulinia
    ca nun ne vo sapè da'n' anno intero

    E Vicienzo ch'è zappulea
    po’ l'arracqua e li cultiva
    chille squagliano comme 'a cera
    quando vanno 'ncumpagnia
    addò 'o dottore
    Pure Vittorio cerca 'e scappà fora

    E vuie de sta stalla chiena 'e cote
    nun ve crerite ca va faccio bona
    vuie site sette o otto mungitori
    ca pe’ dispietto ve mungite e' tori

    C'è Guerriero che è 'o cchiù guappo
    ma sapimmo che tene sotto
    E Survillo co chella vucchella
    mo se face la nuttatella
    e lu massaro
    ch'è fatto viecchio e l'hanno cungerato

    E c'è Zosema chiacchiarona
    Barretiello nun se move
    pu 'nu forte male 'e mola
    e Luigino
    ca c'è rimasto 'o naso e 'o spazzolino

    Ntonio Tesauro ca addummanna
    se fà 'i cunte si guaragna
    Cu Tunino r'ò Paterno
    E Caciuttiello
    ca cerca a Calabrese'e ce fa’ a pelle.

    Canzone popolare filo-sindacale costruita sul modello degli stornelli di tradizione laziale e in particolare romana (cfr. Monica Sanfilippo, Lo stornello: una forma musicale tra mondo contadino e tradizioni urbanizzate, in Giorgio Adamo, Il canto popolare nel Lazio, Squilibri, Roma, 2003).

  • Durata: 06:00
  • Data: Sabato, 11 Ottobre 1975
  • Luogo: Eboli
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voce, fisarmonica, triccheballacche
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno