Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

03 Don Annibale

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: (Giulietta) Dotto' vuie site miedeco
    m'avite a me da dicere
    che vo’ da me ‘sta smania
    ca nun me fa durmì

    E 'a notte si sapissevo
    nun pozzo arripusà
    e 'o juorno tengo 'a smania 
    ca vaco a ccà e a llà

    (Dottore) ‘Sta smania ca t’he miso
    i’ già l'aggia capita 
    ce vole lu marito
    che accussì nun puoi stà

    Tu sempe a mme me chiamme
    ma che ci posso fa’
    dimme che cosa hai 
    ca te pozzo accomodà (cunsulà)

    (Giulietta) Quando m'assetto a tavula
    nun saccio si song’ io
    pe’ nu pruvà 'nu 'nticchio
    ne tengo 'nu vulìu

    E ‘mpietto me sente 'e pognere
    e 'o core me fa tittà
    spisso me vene 'a chiagnere 
    aggiatene pietà

    (Don Annibale) Tutto sarà la causa
    che non la fa dormire
    il cuore così palpita
    dal petto vuole uscire

    Chi la conosce 'a smania
    e tozzola accussì
    e chi l'adda conoscere 
    sta malatia mo

    (Giulietta) Dottò mpursì mio padre
    tutti me l'hanno detto
    il male che conosco
    voi già l'avete scritto

    Dottò dottò dicitece
    chello c'avimma fà
    è chiaro vuie parlatece 
    aggiatene pietà

    (Don Annibale) Povera Giulietta
    il cuore si risveglia
    ma se l'avrai per moglie 
    felice io sarò

    Ma se il dottor sapesse
    qual sia il senso mio
    sicuro io sarrio
    di farmela sposà

    (Dottore) Mia cara figlia mia
    io che ti posso fare
    tu mi mandi impazzire
    nun aggio che te fà

    Ma chiama il tuo patre
    fallo venire qua
    vedimmo come meglio 
    se pote accomodà 

    (Zì Aniello) Dottò io so’ venuto
    dottò io so’ presente
    cunsolame 'a sta figlia
    ca staie tutta dulente

    Dottò dottò dicite
    chello c'avimma fà
    'a chesta malatia 
    l'avimmo fa’ sanà

    (Dottore) Zì Aniè io mo te servo
    a questa ci penso io
    pecchè io so’ nu miereco
    'e tutte 'e malatie (purcarie)

    Ma chesta è cosa 'e niente
    se pote accomodà
    chiamammo a Don Annibale
    e facimmela spusà ('nguaià)

    (Zì Aniello) Tutto mi sento pazzo
    nun tengo cchiù fermezza
    ma ‘stu dottore attizza 
    pe’ farla ammaretà

    Lo veco Don Annibale
    e mia figlia la vì ccà
    e dateve la mano
    ca puzziete spannecà

    (Don Annibale) Dottò io vi ringrazio 
    che siete un buon dottore
    qualcosa di danaro
    vuie m'avite fa dunà

    A tutte 'e feste 'e ballo 
    vulimmo accumparì
    cu Giulietta mia
    assieme cu papà

    Lungo frammento della farsa carnevalesca tipicamente ebolitana, chiamata Don Annibale (cfr. A. Rossi, Eboli 1976), una sorta di "ridicoloso contrasto" matrimoniale sul modello della più conosciuta Canzone di Zeza. Si tratta probabilmente di una prova eseguita in un interno, forse la sezione locale del PCI.

  • Durata: 07:49
  • Data: Sabato, 11 Ottobre 1975
  • Luogo: Eboli
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voci maschili, tamburello
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno