Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

01 ‘A cinche pezze

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: Io e Gigino eravamo ragazzini
    e da bambini ci credevamo da fratellini
    'nu juorno me vediette perso
    avevo bisogno 'e cinque pezze
    all'amico Gigi il mio bisogno confidai
    isso 'a cinque pezze me prestaie
    ed allora come fu come non fu
    nun ce fureme viste cchiù.
    Doppe dieci anni ce truvaimo
    ce abbracciaimo e ce vasaimo
    là pe’ là pigliai 'a cinque pezze
    pe’ ce 'a dà ma isso se mettette a' alluccà:
    "ma come, fra due vecchi amici
    hai la spudoratezza nientedimeno
    'i me restituì 'a cinque pezze 
    nun 'a voglio, nun 'a voglio"
    e nun s' a vulette piglià.
    E allora pe me disobbligà
    a 'nu cafè 'o vulette purtà 
    ma isso nun vulev’ accettà.
    Dopo pe’ me cuntentà se pigliave
    quattro aperitivi e cinque digestivi
    sfugliatelle pasticciotti e bucchinotti
    paste crepe e marmellate
    dodici chili 'e ciucculate
    'na pizza dolce intera
    sei cannuoli e 'na pastiera.
    Po' rumpette 'na vetrina
    'nu tavulino e 'nu specchio proprio fine
    me facette straverè
    e 'o bile venette a mmè 
    e ppe dirve 'a verità
    nun vulevo pagà.

    Ma po' penzanne 'a cinque pezze
    ca l' amico me prestaie
    stiette zitte e nun parlaie 
    stiette zitte e nun parlaie.

    Dopo po’ lassà ‘o stevo salutanne
    isso ricette "Aspetta,
    famme cumpagnia"
    e s'infilaie int'a 'na tratturia
    s'assettaie se mangiaie 
    tre chili di spaghetti
    quattro costatine tre filetti
    cotolette, polpette 
    dodici arrosti con patate 
    vinte fritture 'e pesce
    e 'na 'nsalata
    sette chili 'e stocco
    fagioli con la pasta 
    e nun diceva mai basta
    'na genovese, 'na milanese,
    'nu salame sano sano
    muzzarella provola e
    tre banane
    cinque fiasche 'e vino
    frutta dolce e caffè
    ma nun le pigliava 'n'accidente
    a zigo pecchè 
    'o pateterno l'aveva detto sì
    e francamente m'ero deciso
    'e le fa’ 'na minaccia 
    e diciette mo 'o sputo 'nfaccia.

    Ma po' penzanne 'a cinque pezze
    ca l' amico me prestaie
    stiette zitte e nun parlaie 
    stiette zitte e nun parlaie.

    Doppo ddoie ore
    ascette 'a into 'o ristorante
    cu 'na panza tanta
    e isso dicette 
    mo me faciarrie 'na bella passeggiata
    p'alleggerì tutto chello
    ca me so’ magnato
    chiammaie a 'nu tassì
    e se facette purtà pe’ tutta 'a città.
    Dalla stazione a Montesanto
    il tassametro segnava
    venti pezze e settanta.
    Io diciette a Gigi
    "Mo attocca a te"
    e chillo dette 'o bill a mme.
    Ma tanta da bile 
    ca me pigliavo
    ca pe’ poco nu’ strafucaie
    ma poi me rassegnaie
    mettiette mano 'a sacca
    e pagai.

    Pecchè penzanne 'a cinque pezze
    ca l' amico me prestaie
    stiette zitte e nun parlaie 
    stiette zitte e nun parlaie.

    Po’ tarde se facette
    e l'amico ricette
    "Sai io sto senza casa
    e perciò o vuoi o non vuoi
    io stasera vengo a casa toia"
    Io diciette "Olrai Olrai".
    'O stevo piglianno a fai
    ma po’ a' cinque pezzi pensai
    e a casa m'o purtaie
    se pigliave tanta crianza
    'o meglio lietto e 'a meglio stanza
    ‘e figlie mieie senza ragione
    'e ‘cchiappava 'a scuppulone
    si metteva i miei cappelli
    me rumpette sidice ombrelli
    e quanno a tavula s'assettaie
    tutte cose se pulizzare
    senza scarpe m'ha restato
    sei vestiti m’ha ruinato 
    pure l'oro s'è impegnato
    e tutte cose m’ha scassato.
    Po’ ca cuoca se cuccaie
    a sorema 'a pizzicaie
    e a muglierema annanze a mme
    s'a chiammaie, s'abbracciaie e s'a vasaie.
    Nun ne putiette cchiù
    pigliaie 'a rivoltella po’ sparà.

    Ma po’ penzanne 'a cinque pezze
    ca l' amico me prestaie
    stiette zitte e nun parlaie 
    stiette zitte e nun parlaie.
    Brano umoristico, sul modello delle "macchiette" della canzone napoletana, con l'alternanza di strofe recitate e un ritornello cantato con accompagnamento di organetto e tamburello.

  • Durata: 03:28
  • Data: Sabato, 11 Ottobre 1975
  • Luogo: Eboli
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: voce maschile, organetto, tamburello
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno