Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

07 La mamma di Rosina era gelosa

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: La mamma di Rosina era gelosa, li ro ro
    La mamma di Rosina era gelosa, li ro ro
    Nemmeno a prender l'acqua
    Co’ l’occhi bianchi e neri
    Nemmeno a prender l'acqua
    La mandava

    Un giorno la Rosina si avviava, li ro ro
    Un giorno la Rosina si avviava, li ro ro
    E trova il molinaro
    Co’ l’occhi bianchi e neri
    E trova il molinaro
    Che dormiva

    Svegliate molinaro ch’è fatto giorno, li ro ro
    Svegliate molinaro ch’è fatto giorno, li ro ro
    Venuta è la Rosina
    Co’ l’occhi bianchi e neri
    Venuta è la Rosina
    A macinare

    E già ca si venuta ‘na volta sola, li ro ro
    E già ca si venuta ‘na volta sola, li ro ro
    E la farina te…
    E la farina di
    E la farina te la fo
    Più fina

    E mentre il mulino macinava, li ro ro
    E mentre il mulino macinava, li ro ro
    ‘E mane dint’ ‘e sacche
    ‘E mane dint’ ‘e sacche
    ‘E mane dint’ ‘e sacche
    Isso metteva

    Stai fermo molinaro con le mani, li ro ro
    Stai fermo molinaro con le mani, li ro ro
    lo tengo sei fratelli
    Co’ l’occhi bianchi e neri
    lo tengo sei fratelli
    T' ammazzeranno

    Non ho paura di sei, nemmen di sette, li ro ro
    Non ho paura di sei, nemmen di sette, li ro ro
    Io tengo una pistola
    Che è caricata d’oro
    Io tengo una pistola
    Caricata

    [...]

    Poi te la dono a te
    Poi te la dono a te
    Poi te la dono a te
    Biondina cara

    E’ caricata con pallini d'oro, li ro ro
    E’ caricata con pallini d'oro, li ro ro
    Poi te la dono a te
    Poi te la dono a te
    Poi te la dono a te

    Rosina cara
    Esecuzione di un canto assai diffuso nella tradizione italiana, in diverse regioni, spesso eseguito a più voci. Conosciuto come La Mamma di Rosina oppure Il Molinaro, il brano è stato inciso da diversi cantanti e gruppi di folk revival (tra gli altri da Orietta Berti, Tony Santagata, Gino Maringola, I Gufi, I Girasoli e tanti altri). Le prime attestazioni del brano nell'ambito della tradizione popolare risalgono già agli anni '50: Carpitella e De Martino ne raccolsero un'esecuzione come "canto a scantille" nel 1952 nella loro campagna di ricerca di Basilicata (si veda Giorgio Adamo, Musiche tradizionali della Basilicata, Squilibri 2013), e lo stesso Lomax nel 1954 ne raccolse varianti in altre regioni italiane, ad esempio in Umbria (si veda raccolta 24P, n. 09, degli Archivi di Etnomusicologia di Santa Cecilia). Altre esecuzioni in Puglia sono state documentate da Brizio Montinaro a Calimera e nell'interpretazione di Cosimino Surdo.

  • Durata: 03:06
  • Data: Venerdì, 02 Gennaio 1976
  • Luogo: Curteri di Mercato San Severino
  • Provincia: Salerno
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Teresa: voce
  • Autore: Teatrogruppo di Salerno