Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Roberto De Simone | Le registrazioni sul campo | 28 La "’Ndrezzata" per la domenica in albis

28 La "’Ndrezzata" per la domenica in albis

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Rituale "danza armata" che si esegue a Barano d’Ischia nel lunedì in albis in onore della Madonna della Porta. Ilcerimoniale si svolge con due squadre di uomini, denominate "di maschi" e "di femmine". Ciascuno degli esecutori è armato di un bastone di circa quaranta centimetri impugnato nella mano destra, e di una spada di legno lunga un metro, impugnata a sinistra. Le due squadre sono guidate da un "caporale" che conduce l’agire coreutico e la musica con comandi gridati. L’assetto strumentale, oltre alle armi, che fungono da strumenti ritmici a percussione, si vale di due clarinetti (una volta di flauti), e di tamburelli. Il rito si compone di tre fasi musicali e coreutiche ben distinte: su un inno-marcia gli esecutori sfilano e poi si dispongono in doppio cerchio davanti alla chiesa della Madonna della Porta; il "caporale" viene innalzato su una piattaforma di bastoni intrecciati, sostenuto dai danzatori e dall’alto recita la cosiddetta "predica" (un componimento drammatico di carattere monorimico); infine, prende avvio la ‘Ndrezzata vera e propria, durante la quale le due squadre, disposte su due cerchi concentrici, cantano, danzano e si scambiano colpi di bastone e di spada. Nella terza parte, l’ordine delle quartine poetiche è stabilito estemporaneamente dal "caporale", il quale, ad alta voce, suggerisce il primo verso delle strofe da cantare. Sotto il profilo etnomusicologico, la composizione è un centone di materiali disparati, di motivi canzonettistici dell’ Ottocento e dell’inizio del Novecento, adattati ai modi folclorici e assunti nel contesto della danza armata, in sostituzione di più antichi repertori musicali usciti dall’uso. In particolare, nella terza parte ricorre una canzonetta ottocentesca denominata P’ ’o matarazzo ’a stoppa che fornì perfino il titolo a una celebre commedia di Antonio Petito.

    Data: 1975

  • Durata: 06:32
  • Luogo: Bagno d'Ischia
  • Provincia: Ischia
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Tommaso Di Iorio: voce recitante e di comando; Leonardo Impagliazzo: clarinetto; Agostino Balestrieri: clarinetto; Giovanni Di Costanzo: tamburello; Luigi Di Meglio: tamburello; Coro: Crescenzo, G. Giuseppe, Giorgio, Giuseppe, Guido, Francesco, Marcello, Michele, Raffaele e Rocco Di Costanzo; Angelo, Aniello, Gennaro, Gennaro A., Giorgio, Salvatore e Pietro Di Meglio; Aldo e Ciro Napoleone; G. Giuseppe e Giorgio Migliaccio, Michele Sorbo
  • Autore: Roberto De Simone