Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Campania

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Campania | Fondo Leydi-Campania | Sessa Aurunca1 1984 | 08 Questua per capodanno (Buco Buco, strina)

08 Questua per capodanno (Buco Buco, strina)

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Il Buco Buco è componimento musicale eseguito il 31 dicembre da squadre di musicisti, detti bucobuchisti, che in competizione tra loro, dal tramonto, girano per il paese alla ricerca di un'offerta ('a 'nferta) un tempo esclusivamente di tipo alimentare, proponendo in cambio il canto beneaugurante. Il brano qui riportato vede la sola esecuzione strumentale. Lo strumento principe di questo rito e che conduce il canto è il tamburo a frizione, putipù, che nel casertano ha la denominazione locale di buco buco. L'associazione di una membrana (elemento femminile) a di un bastone (elemento maschile) conferisce allo strumento un carattere ermafrodito, mentre il modo di suonarlo simboleggia l'atto sessuale [P.E. Simeoni, R. Tucci (a cura di), Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari Roma. La collezione distrumenti musicali, Roma, Cataloghi dei musei e gallerie d’Italia, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1991, p. 185], caratteristiche queste che lo legano in modo particolare alla fertilità e alle cerimonie di iniziazione. Per suonare il putipù occorre bagnare continuamente la membrana e la canna. Sostenendo il recipiente, con il braccio sinistro, o poggiandolo sul suolo se di grandi dimensioni, si fa scorrere la mano destra, bagnata o munita in una pezzuola inumidita, lungo la canna, con un movimento continuo alternato verso l'alto e verso il basso. Il suono è generato dalle vibrazioni della membrana trasmesse dalla canna ed amplificate dal risuonatore. Questo membranofono è accompagnato da molti altri strumenti, con i quali va a formare un corpo bandistico: varie tipologie di idiofoni a raschiamento e a frizione, dal tricchebballacche allo scetavajasse; membranofoni di dimensioni diverse, dalla tammorra alla grancassa; ma anche fisarmoniche, ottoni, cordofoni, strumenti ad ancia e molti altri.

  • Durata: 03:11
  • Data: Domenica, 01 Gennaio 1984
  • Luogo: Sessa Aurunca
  • Provincia: Caserta
  • Regione: Campania
  • Esecutore: Anonimi: putipù, tricchebballacche, fisarmonica, grancassa, piatti, ottoni, voci maschili
  • Autore: Non indicato