Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

26 "Vallja"

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Vallja, che letteralmente vuol dire danza, è una delle forme musicali più caratteristiche degli arbëresh. Si tratta di una danza cantata, eseguita lungo le strade, diffusa presso tutti i paesi che hanno ancora mantenuto le tracce della loro origine, ed ha soprattutto un carattere celebrativo. Le musiche e le modalità della danza sono assai diverse da paese a paese. A San Costantino questa danza era eseguita durante i riti di nozze, la festività pasquale o per onorare l’arrivo di personaggi importanti. Oggi la danza non è più in uso, mentre il canto si è conservato. La struttura melodica è a due voci, e stilisticamente segnata da passaggi in falsetto, talvolta veri e propri jodel; la presenza di frasi asimmetriche rende questo brano assai singolare dal punto di vista ritmico-fraseologico. La vallja di San Costantino, grazie a numerose registrazioni del passato, è piuttosto conosciuta ed è stata oggetto di arrangiamenti e manipolazioni (che non sempre ne hanno dichiarato la provenienza) anche da parte di noti musicisti.

     La registrazione è del gennaio 1998.

  • Durata: 02:26
  • Luogo: San Costantino Albanese
  • Provincia: Potenza
  • Regione: Basilicata
  • Esecutore: Antonietta Brescia, Giulia D'Amato (intona), Rosina D'Amato, Teresa Scutari: voce
  • Autore: P. Trivigno