Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro della Basilicata

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Basilicata | Fondo Kanemitsu | San Paolo Albanese | 01 Festa di S. Rocco a S. Paolo Albanese

01 Festa di S. Rocco a S. Paolo Albanese

  • Genere: Filmato
  • Filmato:

  • Descrizione:

    La festa patronale di S. Rocco, a S. Paolo Albanese, il 16 agosto, rappresenta un’occasione in cui è possibile oggi assistere al ballo rituale con la falce. Esso è stato peraltro fortemente ripreso in funzione negli ultimi anni, grazie  anche all’impegno dei suonatori di zampogne di S. Costantino  di recarsi tutti gli anni a suonare alla festa. 
    Il rito si svolge in occasione della processione di S. Rocco, che ha luogo la mattina del 16, dopo la celebrazione liturgica secondo il rito bizantino; alla festa religiosa si presenta dunque abbinato anche il momento profano della festa del raccolto.
    Vi è la presenza della bica di grano, himunea, portata in processione davanti alla statua del santo, e di tre danzatori: due con la falce, drapri, e uno con un covone, dhumati. Il danzatore col covone scappa davanti e viene inseguito dagli altri due con movimenti assai aggressivi, che si stemperano talvolta in veri e propri momenti di danza. L’azione di S. Paolo ricorda assai da vicino i meccanismi rituali del taglio dell’ultimo covone illustrati da Ernesto De Martino nel suo volume Morte e pianto rituale (1958) e consacrati nelle fotografie di Franco Pinna a San Giorgio Lucano; chi taglia l’ultimo covone appare come il ‘responsabile’ del furto del grano subito dalla natura e come tale deve espiare.
    Il ballo con la falce è presente oggi anche in altri paesi della Basilicata (Viggianello, S. Giorgio, Episcopia), tuttavia solo a S. Paolo è nella sua forma più integra e riconoscibile.
    Gli strumenti utilizzati sono la zampogna e la ciaramella, strumenti assai radicati nella tradizione di S. Paolo Albanese che ha vantato suonatori di zampogna e surdulina come Lorenzo e Agostino Troiano.
    Gli strumenti eseguono musiche da danza riconducibili al modello locale della tarantella; la danza tuttavia, avendo un carattere di tipo rituale, non presenta passi e movimenti coreografici rigorosi.

  • Durata: 01:15
  • Data: Martedì, 16 Agosto 2011
  • Luogo: San Paolo Albanese
  • Provincia: Potenza
  • Regione: Basilicata
  • Esecutore: Giuseppe Michele: zampogna; Antonio Abitante e Nicola Scaldaferri: ciaramelle; Leonardo Camodeca, Giuseppe Osnato e Pietro Ragone: danzatori
  • Autore: Mariko Kanemitsu