Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

095 Na donne bbon cristiane

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo:

    Na donnë bbon cristiànë
    va pell’acque a la fundane
    la tine d’acqua s’impieve
    da’ ggiutare ca ne’mpoteve

    Li Sante l’ha chiamate
    ca nisciune ca la ‘jutate
    chiamise lu peccate
    subbetamente che fu jutate

    Se io t’aia ‘jutà
    pure caccose m’avete da dà
    la donna ‘nginda ere
    il suo fanciullo ji le duneve

    Venne l’ore de parturire
    lu nome de ‘Ndonie je mettise
    […]

    Sand’Andonio piccolo ere
    a la scole che se ne jeve
    lu sculare je l’ambareve
    Sand’Andonie l’adduplicheve

    Sand’Andonie a la scol’arisceve
    lu lebbre ‘n mmane l’aripurteve
    lu mezze de la strade
    nu signore ca fu ‘ngundrate

    E je disse bbon ragazze
    quando ritorne al tuo palazze
    di’ a la mamma tua che ffà
    che la prumesse che mm’a da dà

    La mamma sé che le capeve
    jurne e notte sempre piagneve
    mamma mamma pecchè piagnete
    cacche peccate vu tenete

    Eh non nnate e non create
    a lu demonie t’aie dunate
    […]

    E la sere e la matine
    dille sempre la dottrine
    ma la sere e la matine
    dille sempre la dottrine

    Mamma mamma statte cundend
    ca lu diavole nen fa niente
    mamma mamma statte sicure
    ca del dimonie nen’aie paure

    Me veste da rumite
    me ne vaie a Frascavite
    Frascavite Frascavittorie
    ere lu patre di Sand’Andonie

    A lu mezze de la strade
    lu diavole l’ha ‘ngundrate
    tu ‘Ndonie do’ vu ji
    ma tu ‘nghe mme sa da menì

    Sand’Andonie ‘nghe l’ungine
    pije lu ciòce e lu strascine
    pe lu troppe strascinà
    pure a lu’mberne la da ripurtà

    Sand’Andonie di bbon ccore
    entr’a lu’mberne senza timore
    Sand’Andonio all’umberne ‘ndrise
    Gesù Criste l’ha richiamise

    Se a ecch’ji m’aji da stà
    nu bbone martelle m’avete da dà
    une bbone je l’omme dise
    e Sand’Andonie a lu’mberne ‘ndrise

    Tutte le ciuce che ‘ndreve e sceve
    Sand’Andonie l’addummannève
    ogge vù ‘ddò avete state
    tutte lu monne l’aveme passate

    N’emme fatte nu miglione
    e ce ne vulemme fa padrone
    emme tentate pure daìji
    ma quill’aecch a da minì

    Tutti li ciuce vuleve scappà
    ma sott’all’ordine aveve da stà
    Sand’Andonio na mane alzò
    na bbott’appedù l’ingalicò

    Tutti li ciuce faceve cungresse
    che sta ‘ffà ‘Ndonie aesse
    tutti li ciuce faceve caterne
    fore ‘Ndonie da lu’mberne

    Sa da ecche me n’aje da ji
    na bbona scritture m’avete da fa
    na bbona scrittura je l’ome facise
    e da lu’mberne ‘Ndonie scise

    La scritture faveze ere
    e da lu foche fu bbrusciate
    n’atra vote fu rinnovate
    vivo sempre Antonie Abbate

    Li chiamise a alta voce
    Gesù Criste morto in croce
    vieni vieni Andonio mijo
    vieni a gode ‘nghe il tuo Ddije

    M’baradise le fece ‘ndra
    ma quanta grazie ‘Ndonie fa
    canteme nu dispensorie
    tridice grazie fa Sand’Andonie

    Finito il nostro canto
    bbona sera a tutti quande
    finito il canto lore
    bbona sera a voi signori

    Eh Sand’Andonie!


    Canto di questua. Lu sand’Andone. A Fara Filiorum Petri (Chieti) nella settimana che precede il 17 gennaio si festeggia Sant’Antonio con grande solennità, ricordando il miracolo da questi operato nel 1749 per difendere il paese dalle truppe francesi. In questa settimana si confezionano grandi colonne di canne, chiamate farchie, che poi vengono bruciate la sera del 16. Tutta la festa era ed è accompagnata dal suono dei canti e degli organetti. Col tempo sono nate diverse varianti sul Sant’Antonio tradizionale, che rimane un canto di questua, alcune delle quali si possono ascoltare alle tracce  096 ,  097, 098099, 100101102105. Negli ultimi anni però, pur rimanendo la devozione e la partecipazione alla festa sostanzialmente invariate, le varietà del canto sono quasi scomparse lasciando il posto a canti corali di vario genere. Altre notizie della festa nel portale del comune di Fara Filiorum Petri.

  • Durata: 06:40
  • Data: Mercoledì, 22 Maggio 1985
  • Luogo: Fara Filiorum Petri
  • Provincia: Chieti
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Due voci maschili non identificate, Gabriele D’Aristotile: organetto due bassi
  • Autore: Domenico Di Virgilio