Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Abruzzo | Fondo Museo delle Genti d'Abruzzo | Domenico Di Virgilio | 063 I me ne vaie alla man’alla mane

063 I me ne vaie alla man’alla mane

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Testo: I me ne vaie alla man’alla mane
    pure Nicola leme salutare

    Pure Nicola leme salutare
    con la sua cara sposa in compagnia

    Questa figliola che in casa c’iavete
    na bona sorta il Signor ci dia

    A Sande Rocco voleme ji a pregare
    che vi possa scampà di malattia

    A nov’a nove
    e fora anne vecchi’entra iu nove

    E ve le dice con la mia tributa
    a tutte quante na bona salute

    Questi figliole che in casa ci avete
    non pozz’ avè ne [...]

    E Sant’Antonie la pozza guardare

    Queste figliole ch’è lontan’assaie
    a bona [...] pozza revenire

    [...]

    Vi do la bona ser’a voi signore

    I me ne vaie cantenne cantenne
    bon feste bon Natal’ e bon Capedanne

    E se la maitenata ne una bona
    e fora tira vent’e fiocca e piove
    Maitinata, canto di questua eseguito nella notta di capodanno. 
    I canti di questua sono canti calendariali, legati cioè ai cicli stagionali-agricoli che regolavano la vita della comunità contadina. L'occasione calendariale era però anche opportunità di un beneficio economico: in cambio del canto che si portava nelle case ci si aspettava una ricompensa. Questa consisteva in uova o altri prodotti alimentari (avveniva quindi un vero e proprio scambio), oggi spesso anche in denaro. I canti calendariali che si ascoltano ancora oggi nelle nostre campagne, a partire dal solstizio invernale sono: la Pasquetta o Maitinata(Capodanno o vigilia dell’Epifania), lu Sand’Andone (settimana antecedente il 17 gennaio), la Passione (domenica delle Palme, mercoledì e giovedì santo). Tutti questi canti vengono eseguiti in occasioni particolarmente dense di significati religiosi-magico-simbolici quali il periodo tra il Natale e l’inizio del nuovo anno, l’Epifania, la festività di Sant’Antonio Abate, la Settimana Santa. Ed in tutti questi canti vi sono ricorrenze testuali legate ad auguri alla persona (buona salute) e all’economia rurale (abbondanza legata al raccolto o all’allevamento del bestiame).

  • Durata: 02:45
  • Data: Giovedì, 30 Settembre 1993
  • Luogo: Collelongo
  • Provincia: Chieti
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Nazarena Grande, Veronica Piermaggio, Domenica Grande, Armando Sugapane: voce
  • Autore: Domenico Di Virgilio