Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Abruzzo | Fondo Museo delle Genti d'Abruzzo | Domenico Di Virgilio | 011 Il ciel seren’ e l’aria si conturba

011 Il ciel seren’ e l’aria si conturba

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Partenza della sposa. Il canto si interrompe spesso ed è incompleto. Sono documetati i commenti finali delle esecutrici.
    I canti per la partenza della sposa appartengono sia al repertorio maschile che a quello femminile. Nel repertorio maschile il corteggiamento e la partenza si confondono spesso ed hanno inglobato in molte località la partenza del pastoreTutto ciò per la progressiva perdita di funzione rispetto a tradizioni nuziali scomparse ormai da molto tempo. La partenza, che fa parte del repertorio maschile, è una serenata eseguita (portare la partenza) la sera prima delle nozze, sotto casa della sposa, da un cantante accompagnato da un gruppo strumentale che può comprendere organetto, chitarra, tamburelli, ed ancora oggi diffusa in diverse aree della regione. Per il repertorio femminile, invece, è molto difficile recuperare un testo di partenza integro e che non faccia sorgere interrogativi sulle modalità di esecuzione. Spesso queste partenze sono comunque caratterizzate da ricorrenze testuali e melodiche  Alcune di queste ricorrenze possono essere lette come "melos di controllo del patire" (E. De Martino, Morte e pianto rituale, Boringhieri, Torino, 1975, pag. 60):

    Ji’ m’arevuldarrì ‘m bàcc-i-a ‘ste scale,
    e ccercarr
    áje perdón’ a mamm..mm’ e ttàte.
    Ji’ m’arevuldarrì ‘m bàcc-i-a ‘stu purt
    óne
    e ccercarr
    áje perdón’ a ffràt’ e ssóre
    ji’ m’arevuldarrì s
    ótt’a ‘ste mure
    e ccercarr
    áje perdón’ a zzìj’ e nnepute.

    (G. Finamore, Vocabolario dell'uso abruzzese, Barabba, Lanciano, 1991, pag. 280, raccolto a Casoli, Ch)

    Trascriviamo anche, sempre dal Finamore, una quartina iniziale largamente diffusa e, come tale, indicativa di questo genere:

    Partènza dulurósa vita càre;
    chi sa dumàn’a ssér’ addò me tr
    óve!
    Me tr
    óv’a cquéle pàrte de Celènze,
    d
    óve la vita mije suspìr’e ppènze

    (G. Finamore, Vocabolario dell’uso abruzzese, Barabba, Lanciano, 1991, pag. 282, raccolto a Casoli, Ch)

  • Durata: 05:18
  • Data: Martedì, 02 Ottobre 1990
  • Luogo: 2 ottobre 1990
  • Provincia: Schiavi d'Abruzzo
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Sabina Falasca, Binda Campati, Brigida Tucci: voce
  • Autore: Domenico Di Virgilio