Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Archivio Sonoro

Archivio Sonoro dell'Abruzzo

Ti trovi qui:Archivio Sonoro | Archivio Sonoro Abruzzo | Fondo Museo delle Genti d'Abruzzo | Domenico Di Virgilio | 001 E o Madonna del Montivergine e io ti voglio venire a trovare

001 E o Madonna del Montivergine e io ti voglio venire a trovare

  • Genere: Audio
  • Audio:

  • Descrizione:

    Canto di pellegrinaggio alla Madonna di Montevergine.
    I canti di pellegrinaggio e quelli eseguiti durante le processioni si sovrappongono per funzioni e modalità esecutive. Sono polivocali, eseguiti da sole voci femminili o a voci miste, e in quest'ultimo caso le voci femminili sono quasi sempre preponderanti. E' uno dei pochi repertori ancora ascoltabile in funzione e che ha conservato le tipiche caratteristiche esecutive. I motivi della sopravvivenza sono riconducibili all'occasione: la fede e i significati del pellegrinaggio. Canti di pellegrinaggio sono documentati anche con accompagnamento di strumenti, in particolare la zampogna, ma non da compagnie (così si chiamano i gruppi di pellegrini) abruzzesi. Una particolarità di questo repertorio è legata all'esecuzione in cammino, non nel caso di questo esempio, con probabili influenze sulla fonazione e sul tipo di vocalità. E' evidente, dall'ascolto di questi canti, anche il rapporto con l'ambiente e lo spazio circostante: cantare all’aperto, cantare nelle strade del paese, cantare in chiesa, cantare senza o con accompagnamento strumentale (in chiesa ad esempio è spesso presente l'organo). La polivocalità e le modalità dell'esecuzione rendono, inoltre, i canti processionali molto vicini ai canti di lavoro, e credo che, nell'ambito delle tipologie del canto folklorico abruzzese (monodia, due parti distinte con presenza di più timbri), essi siano il risultato di una diretta trasposizione dal saper cantare sul campo al saper cantare in chiesa, dal cantare la propria fatica al cantare la propria fede/speranza. In questo esempio dopo l'incipit a 00:41 l'introduzione di temi condivisi in Abruzzo da le storie cantate e dalle orazioni umbro-abruzzesi: accadimento funesto/trasgressione dei codici morali-religiosi (e un giorno mi metto per strada e l’incontrai un uomo ammazzato); 04:13 invocazione alla Madonna o al santo (o Madonna del Montivergine e allumini la mia mente), intervento dvino e miracolo risolutivo (la tua menda ti l’hei già’llumat e la prigiona ti l’heio scampà), atto devozionale (e palazz e massarie tutt’a te te le voio donà), esplicitazione della morale (ascultateli bona gende ascultatile tutti quande e di questa bella gran Sande non ci n’avesse mai scurdà).

  • Durata: 05:58
  • Data: Lunedì, 17 Settembre 1990
  • Luogo: Atessa
  • Provincia: Chieti
  • Regione: Abruzzo
  • Esecutore: Anonimi: voci femminili e voci maschili
  • Autore: Domenico Di Virgilio